Mappa del Sito

ALBERTO SUGHI

Pittore, accademico dal 1997

Nasce nel 1928 a Cesena, muore il 31  marzo del 2012 a Bologna. Pittore autodidatta, dopo varie esperienze formative, sceglie la strada del Realismo, nell’ambito del dibattito tra astratti e figurativi nell’immediato dopoguerra. Nel 1993 è Presidente dell’Ente Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma. La sua ricerca procede per cicli tematici: le Pitture verdi, dedicate al rapporto fra uomo e natura (1971-1973), La cena (1975-1976), i venti dipinti e i quindici studi di Immaginazione e memoria della famiglia realizzati agli inizi degli anni Ottanta, La sera o della riflessione (1985) e Notturno (2000), un ciclo di grandi dipinti. Partecipa ad esposizioni internazionali tra le quali la Biennale di Venezia, la Quadriennale di Roma, “La ricerca dell’identità” a Cagliari, Palermo e Ascoli Piceno (2003-2004), “Il Male. Esercizi di pittura crudele” alla Palazzina di Caccia di Stupinigi (2005), “Il ritratto interiore” al Museo Archeologico Regionale di Aosta (2005). Negli anni presenta diverse rassegne antologiche tra cui quelle alla GAM di Bologna (1977), alla Galleria del Maneggio di Mosca (1978), al Palazzo Reale di Caserta (1984), al Museo di Castel Sant’Angelo di Roma (1986), al Museo delle Belle Arti di Budapest (1986), alla Galleria Nazionale di Praga (1986), a Villa D’Este di Tivoli (1987), alla Galleria Civica d’Arte Moderna di Ferrara (1988), alla Casa Masaccio di San Giovanni Valdarno (1990), al Museo d’Arte Assis Chateaubriand di San Paolo del Brasile (1994), al Museo Historico National di Rio de Janeiro (1994), a Palazzo Firenze di Roma (2003), alle Scuderie in Pilotta a Parma (2005-2006), alla Biblioteca Malatestiana di Cesena (2007), al Complesso del Vittoriano (2007) e a Palazzo Venezia di Roma (2008). Sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche quali: i Musei Vaticani, la GAM di Bologna, la National Gallery di Budapest. Membro dell’Accademia Nazionale di San Luca dal 1997.

 

Link interni:

"La collezione delle opere dei maestri accademici contemporanei"

 
Opere dell'Autore:
>  La cattedrale, 1965
 
"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
 
Opere dell'Autore:
> Ritratto d'uomo, 1963

   

 

 

Documenti online

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.