Mappa del Sito
News dall'accademia
22/nov/2016 - 22/nov/2016

Presentazione del volume Santa Maria Maggiore: Cattedrale di Barletta (XII- XVI secolo). L’Architettura

Martedì 22 novembre 2016 alle ore 17.30 presso l’Accademia Nazionale di San Luca verrà presentato il volume di Angelo Ambrosi, Santa Maria Maggiore: Cattedrale di Barletta (XII- XVI secolo). L’Architettura [Edipuglia, Santo Spirito (Ba) 2015].
Introdotti da Francesco Moschini, alla presenza dell'autore, interverranno Luisa Derosa, Vittorio Franchetti Pardo, Francesco Gandolfo, Giuliano Volpe
 
L’autore del volume, avendo collaborato alla progettazione e direzione dei lavori di restauro della chiesa di Santa Maria Maggiore, Matrice della città di Barletta, ha avuto la possibilità di studiare dal vivo questo importante e poco noto edificio pugliese, risultato di stratificazioni di varie epoche. Lasciando ad altri il compito di studiare le preesistenze portate alla luce dagli scavi archeologici e il ricco e interessantissimo apparato decorativo, egli ha provato qui a sistematizzare le conoscenze acquisite nel contatto diretto e continuo con le fabbriche, prendendo in esame lo specifico architettonico dell’edificio ora in elevato, limitatamente al periodo compreso tra il XII e il XVI secolo, dalla costruzione di una chiesa non grande, ma di elevata qualità, all’ampliamento di questo primo edificio, a partire dal XIV fino secolo, con fabbriche di chiara impronta gotica.  
Dopo l’introduzione dedicata agli aspetti storici e all’inquadramento storico-urbanistico, il volume affronta l’analisi dell’edificio con dettagliate descrizioni nell’intento di superare l’ostacolo che ha impedito finora la fortuna critica di questo monumento, poiché, nonostante le fasi costruttive siano nel loro complesso ben evidenti, e l’edificio sia per questo carattere composito ammirato dagli studiosi, è innegabile che il suo organismo sia di difficile lettura a causa di un non immediato discernimento delle linee su cui le fabbriche dell’ampliamento si sono addossate al lato orientale della chiesa romanica. In effetti, dopo lo sfondamento delle absidi della prima chiesa, avvenuto negli inizi del Cinquecento, alla fine del secolo XVII, il clero ha voluto adeguare alla nuova situazione il coro della chiesa romanica, ormai privo delle sue funzioni originarie. Di tale intervento esiste un’accurata descrizione in un contratto d’appalto conservato nell’Archivio Notarile di Trani, per cui è possibile riscontrarne gli esiti sulle fabbriche, identificandoli nelle asportazioni di parti dei pilastri polistili e nelle ricostruzioni delle nuove volte ogivali, operazioni, queste, che testimoniano una insolita capacità delle maestranze pugliesi di intervenire su edifici medievali secondo il principio di conformità e con l’imitazione degli stili.  
Ciò che emerge dalle analisi e dai confronti è l’idea di un edificio sacro progettato secondo criteri che, andando oltre l’indubbia adesione al linguaggio locale, mostrano una singolare consapevolezza per le valenze estetiche e simboliche dell’architettura. È degno di nota il fatto che un ampliamento finalizzato al raggiungimento di una lunghezza pari a quella delle più grandi cattedrali pugliesi, sia, ancora oggi, in grado di generare un effetto di monumentalizzazione dell’edificio più antico, dandoci l’illusione, mediante accorgimenti ottici e accostamenti di stili diversi, che la torreggiante parte basilicale a pianta quadrata e falsi matronei corrisponda alla chiesa originaria interamente conservata.  
 
Il volume è il primo della nuova collana Aufidus della casa editrice Edipuglia
 

 

Altri riferimenti

  video NAM

L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.