Mappa del Sito
News dall'accademia
22/nov/2016 - 22/nov/2016

Trentennale della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico 1986-2016

Martedi 22 novembre 2016, a partire dalle 9:15 presso la sede dell'Accademia Nazionale di San Luca si terrà un evento per celebrare il 30° anniversartio della nascita della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico.

L’evento vuole celebrare il 30° anniversario della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico costituita nel 1986 per volontà della vedova, Isabella Pakszwer Far e di Claudio Bruni Sakraischik, curatore del Catalogo Generale, al fine di tutelare e promuovere l'opera artistica e intellettuale del Maestro. Nel corso dello stesso, oltre a una breve presentazione delle attività principali svolte negli anni e la raccolta e divulgazione di documentazione sull’opera dell’artista, sarà presentata la recente edizione di "Metafisica" nell’edizione parallela inglese “Metaphysical Art” n. 14/16 (2016), Maretti Editore, che include la prima traduzione inglese della Commedia dell’arte moderna e il corpus delle poesie dell’artista. Oltre ai trentanove saggi, nella Commedia dell’arte moderna sono collocati gli scritti programmatici sull’arte metafisica, usciti nella rivista «Valori Plastici», oltre ai numerosi scritti critici sui vari maestri classici e pittori moderni. Nel corso del dibattito saranno trattati gli aspetti filosofici e storici dell’opera di de Chirico, la sua critica dell’arte moderna e il "ritorno al mestiere", cioè all’arte classica, rilevando come egli sia il primo pittore post-moderno, ispiratore di Magritte e del Surrealismo.

 

Programma:

9:15: Introduce e coordina il prof. Francesco Moschini, Segretario Generale dell'Accademia Nazionale di San Luca  

9:30: I trent’anni della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico – Prof. Paolo Picozza, Presidente della Fondazione

09:45: Presentazione della Rivista “Metaphysical Art – The de Chirico Journals” n. 14/16 (Maretti Editore, 2016) – Prof. Fabio Benzi, Ordinario di Storia dell’Arte Contemporanea, Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara

10:00: Contro il nuovo: Metafisica e modernità – Prof. Federico Vercellone, Ordinario di Estetica, Università di Torino

10:30: De Chirico. Il mistero della forma – Prof. Massimo Donà, Ordinario di Metafisica e Ontologia dell’arte, Università san Raffaele, Milano

11:00: Pausa caffè

11:15: Metafisica dell’arte e arte metafisica – Prof. Sergio Givone, Ordinario di Estetica, Università di Firenze

11:45: Tradizione e modernità nell'opera di Giorgio de Chirico – Prof. Giuseppe Di Giacomo, Ordinario di Estetica, Università di Roma la Sapienza

12:15: Discussione delle relazioni

12:45: Considerazioni conclusive – Riccardo Dottori, Ordinario di Filosofia teoretica presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Roma

13:15: Conclusione dei lavori – Prof. Claudio Strinati, storico dell’Arte, Consulente di staff del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, già Soprintendente per il Polo museale romano, critico musicale 

 

 

 

L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.