Mappa del Sito

MARIO SERIO

Benemerito, accademico dal 1999

Nasce a Bova Marina (RC) il 10 marzo 1938, e muore a Roma il 10 febbraio 2012. Inizia la carriera di funzionario dello Stato nel 1963 nella Direzione Generale Antichità e Belle Arti del Ministero Pubblica Istruzione. Collabora con il Ministro Spadolini nella creazione del Ministero per i Beni culturali e ambientali. È nominato nel 1982 Soprintendente all'Archivio Centrale dello Stato dove ha realizzato l'adeguamento funzionale dei servizi al pubblico e organizzato varie iniziative culturali. Nel 1994 passa a dirigere prima l'Ufficio centrale per i Beni ambientali, archeologici, architettonici, artistici e storici, poi quello per il Patrimonio storico, artistico e demo-etno-antropologico, dal 2001 al 2005. Dopo il sisma del 1997 che colpì Umbria e Marche è stato nominato Commissario delegato per i Beni culturali delle due regioni. Ha fatto parte di speciali commissioni governative per Roma capitale e per il Giubileo del 2000. È sempre stato interessato alla storia dell'Amministrazione, alla quale ha dedicato numerosi saggi. È stato insignito delle seguenti onorificenze: Cavaliere di Gran Croce all'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Chevalier dans l'Ordre des Arts et des Lettres della Repubblica Francese e di Cavaliere Commendatore dell'Ordine di San Gregorio Magno dal Vaticano. Accademico di San Luca dal 1999.

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.