Mappa del Sito

FRANCESCO SISINNI

Benemerito, accademico dal 1985

Nato a Maratea il 23 maggio 1934, entra giovanissimo (primo in graduatoria nel concorso direttivo) nel Ministero della Pubblica Istruzione, ove assume ben presto responsabilità dirigenziali. Perfezionato in Studi Europei (110/110 e lode) ed a seguito di concorso, passa al Ministero degli Affari Esteri, ove svolge impegnativi compiti in Italia e all'estero, tra cui quello di Consulente Culturale del Ministro del tempo, On.le Aldo Moro. Nel 1974, divenuto Moro Presidente del Consiglio dei Ministri, viene chiamato a collaborare con il Ministro Giovanni Spadolini alla creazione del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, ove è il primo Segretario Generale del Consiglio Nazionale e Direttore Generale per circa vent'anni. Viene nominato, quindi, Direttore Generale per la Difesa del Suolo e, successivamente, Responsabile di Sezione della Commissione Tecnico-Scientifica per l'Ambiente. Attualmente continua a far parte degli Esperti del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ed a svolgere l'insegnamento universitario e la direzione del Master in Studi Storico-Artistici e di Tutela e Valorizzazione del Patrimonio Culturale e dell'Ambiente presso la LUMSA - Roma. Impegni culturali: Dantista, fa parte degli esperti della "Lectura Dantis" Scaligera, Classense, Fiorentina e Romana (le sue "Lecturae" sono state tutte pubblicate) ed è Consigliere Centrale della Società Dante Alighieri e della "Casa di Dante". È stato nominato dal Papa membro della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa nel mondo. È socio di numerose Accademie e Istituti Culturali nazionali e internazionali, tra cui: l'Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Palermo, l'Accademia Nazionale Virgiliana di Mantova, l'Accademia Petrarca di Arezzo, l'Accademia delle Arti del Disegno e l'Accademia dei Georgofili di Firenze, l'Accademia Properziana del Subasio di Assisi, l'Accademia degli Incamminati di Modigliana, l'Accademia Pontaniana e la Società di Scienze, Lettere e Arti di Napoli, la Rubiconia Accademia dei Filopatridi di Savignano, l'Accademia dei Concordi di Rovigo, il Centro Nazionale di Studi Manzoniani di Milano, l'Ateneo di Brescia, il Centro Dantesco di Ravenna, l'Accademia Olimpica di Verona, l'Accademia Etrusca di Cortona e l'Accademia Nazionale di San Luca, l'Accademia Tiberina, l'Arcadia, l'Accademia Cardinalis Bessarionis, I'I.S.L.E., il Centro Nazionale di Studi Cateriniani, l'Istituto Nazionale di Studi Romani, la Società Dante Alighieri, la Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali, la Società Geografica Italiana di Roma. Fa parte, dalla fondazione, dell'Associazione Amici dell'Accademia Nazionale dei Lincei e del Consiglio Direttivo dell'International Council of Monuments and Sities. Pubblicazioni: È autore di numerose opere, tra cui: Elementi di Diritto amministrativo e contabile; La Scuola Media dalla Legge Casati ad oggi; I miei beni; Scienza e crisi dei musei; In Viaggio - Pellegrinaggi e Giubilei del Popolo di Dio; Alla Festa di Olimpia; Ritratto di Calabria; Riflessioni sulla Bellezza; numerosissimi saggi tra cui: Le Due Culture; Il futuro d'Italia si chiama Europa; San Benedetto; Machiavelli; Vico; Pascal; Pirandello: vita è arte; Marcel; Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale; San Bernardo; Umanesimo Cateriniano; Il Presepe Pugliese; San Giovanni in Fiore. Numerose anche le pubblicazioni edite a sua cura, quali: San Francesco; Gli insediamenti francescani; Anastilosi; Memorabilia; Pietra su pietra; I Beni Culturali per lo Sviluppo di Napoli; Il Teatro di Sabbioneta; I Parchi e Giardini Storici; L'Architettura del Rinascimento; La Lucania e il suo patrimonio culturale; Restauro; Campanili di Bologna e del bolognese; Sant'Angelo in Formis; Canova. Oltre cento sono le prefazioni a cataloghi d'arte. Ha fondato le seguenti Riviste: "Il Museo", "Il Bollettino di Archeologia", "Il Bollettino di Numismatica", "Il Bollettino di Archeologia Subacquea", "Archeologia Antropologica", ed ha diretto, oltre le suddette Riviste, "Accademie e Biblioteche d'Italia" e "Il Bollettino d'Arte". Ha progettato e curato, in numerose edizioni, "L'Agenda Europea del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali", "L'Agenda del Territorio Italia" del Ministero dei Lavori Pubblici e "L'Agenda Maratea", tutte edite dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Pubblica nella pagina della Cultura del "Tempo" di Roma e in Riviste specialistiche. Riconoscimenti: gli sono stati conferiti numerosi Premi per la Cultura, Benemerenze e Onorificenze (anche europei e stranieri). Fa parte degli Ordini Cavallereschi di Malta, del Santo Sepolcro, di San Giorgio e di San Gregorio ed è Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Repubblica Italiana.

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.