Mappa del Sito

PIERRE GROS

Cultore, accademico dal 1999

Nato a Incheville nel 1939, è stato allievo della Scuola Normale Superiore e membro dell'École française di Roma, della quale ha diretto anche la sezione antica. È professore presso l'Università di Provenza e Membro dell'Istituto universitario di Francia, dove occupa la cattedra di Archeologia e civiltà romane. Ha diretto per cinque anni l'Istituto di Ricerca sull'architettura antica del CNRS. Specialista dell'arte ellenistica e romana, ha partecipato a numerosi scavi archeologici in Francia, in Italia, in Turchia e in Tunisia. Già responsabile della missione francese dell'UNESCO a Cartagine, è membro della commissione incaricata delle ricerche sul Palatino a Roma. Autore di numerosi saggi e articoli, ha tradotto e commentato, curandone l'edizione, i libri II, III, IV del "De Architectura" di Vitruvio nella serie delle Università di Francia (1990-1999) e ha pubblicato una sintesi storica sull'urbanistica romana, in collaborazione con M. Torelli, 1988, 3° edizione 1994. E' membro dal 1977 del Consiglio scientifico del Centro internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio. Ha conseguito i seguenti premi: Grand Prix National de l'Archeologie, Parigi 1993; Premio nazionale del libro di architettura, Parigi 1997; Premio dell'Istituto meridionale di storia e scienze sociali IMES, 1998; Grand Prix du Festival des Sciences et de Technologies, Marsiglia 2002. È stato co-organizzatore per la Francia del "Master Europeo di Storia dell'Architettura" dal 2001, organizzato presso l'Accademia Nazionale di San Luca da G. Ciucci.

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.