Mappa del Sito

BRUNO CARUSO

Pittore, accademico dal 1993

Nasce a Palermo nel 1927. Inizia a disegnare a cinque anni, servendosi per le sue esercitazioni di riproduzioni da libri di storia dell'arte antica della biblioteca paterna. Inizia i suoi viaggi a 19 anni ed ha modo di conoscere i musei di Vienna, di Monaco di Baviera e le opere di George Grosz e di Otto Dix, che incontra di persona. Nel 1947 è a Praga per il Festival della Gioventù e inizia ad illustrare le opere di Kafka, perfezionandosi nello studio e nella pratica dell'acquaforte. Nello stesso anno esegue una serie di disegni sull'occupazione nazista del Ghetto di Praga e sul cimitero ebraico della stessa città. Nel dopoguerra si laurea in Giurisprudenza e approfondisce studiando e lavorando la sua cultura umanistica. Si lega di amicizia a Vittorini e Quasimodo e, da finissimo bibliofilo, inizia la straordinaria raccolta di libri sull'arte e di opere illustrate con acqueforti originali o xilografie. Colleziona opere dell'Antica Tipografia Siciliana (Epiro e Ciché), delle Edizioni Aldine di Aldo Manuzio e anche manoscritti islamici miniati. Nel 1953 per incarico della Regione Siciliana si occupa del progetto di stampa della rivista "Sicilia" e con l'Editore Flaccovio segue la pubblicazione del "Duomo di Monreale", dei primi libri sul Serpotta, del "Trionfo della Morte" di Palazzo Sclafani; dirige le Edizioni della Galleria dell'Obelisco di Gaspero dal Corso e di Irene Brin. Diviene amico dei poeti De Libero, Sinisgalli, Ungaretti e dei pittori Clerici, Gugel, Colombotto Rosso, Vespignani, Porzano, Ben Shahn e Jack Levine e di grandi fotografi quali Herbert List, Brassai, etc. Dal 1953 al 1958 collabora con il coreografo Aurelio Milloss e mette in scena i balletti "Mirandolina" di Valentino Bucchi, "Allegrie Brasiliane" di Darius Mihaud, "Danza e Controdanza" di Beethoven, "Coppelia", ed esegue le scene per il "Ladro e la zitella" di Giancarlo Menotti. Riprende negli anni '90 l'attività teatrale presso il Teatro Stabile di Palermo con le scene e i costumi di "Annata Ricca" di Nino Martoglio con la regia di Roberto Guicciardini;"La Rappresentazione della Croce" di Giovanni Raboni con la regia di Pietro Carriglio; "Ordine" di Achille Campanile e il "Guardiano" di Harold Pinter con la regia di Pippo Spicuzza; nel 2003 l'Opera da tre soldi di Bertolt Brecht e Kurt Weill con la regia di Piero Carriglio. Dal 1953 al 1958 esegue una serie di disegni di denunzia sul Manicomio di Palermo e intraprende una campagna per la revisione della psichiatria insieme con Franco Basaglia. Il suo costante impegno civile lo conduce a battersi contro tutte le forme di sopraffazione e di violenza, scendendo in causa contro i fenomeni di corruzione e di mafia in Sicilia, ma anche a manifestare con documenti e volumi la sua completa solidarietà al popolo vietnamita. Viaggia in tutto il mondo incontrando le personalità più rappresentative dei vari paesi dove lo conduce la sua curiosità per la vita politica e sociale di ogni popolo. I suoi interessi di artista e di studioso vanno dalla scultura classica alla miniatura persiana e indiana e ai disegnatori giapponesi Hokousai e Hiroshige, ma soprattutto alla grande pittura italiana, in particolare al Seicento e ai pittori caravaggeschi. Ha svolto e svolge una vasta attività di illustratore di opere della letteratura italiana ed europea dell'Ottocento e del Novecento, da Machiavelli, a Kafka, a Ungaretti. Si ricordano in particolare: "Manoscritto sulle meraviglie della natura", "Racconto popolare del Vespro siciliano" di Michele Amari, "Racconti siciliani" di Verga; "La Biblioteca Arabo Sicula" di Amari, i libri sui manicomi ("La Real casa dei matti", "Dai luoghi della follia" e "Manicomio", per le edizioni della Colonna Infame); "Del Giardino" di Vita Sackville West, "A la manera española", Napoli 1799, "Gattopardo" di Tomasi di Lampedura, "La mia preistoria" di Nello Cassata. Ha ricevuto la laurea honoris causa della Facoltà di lettere e filosofia dell'Università di Palermo, la Medaglia d'oro di Benemerito della Cultura dal Presidente della Repubblica Italiana, e nel 2003 il premio Archimede assegnato dalla Regione Siciliana ai siciliani più illustri nel mondo. Ha ricevuto moltissimi altri riconoscimenti da parte di accademie e istituzioni straniere. È Accademico di San Luca dal 1993.

 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
Opere dell'Autore:
 
 
 
 

Link esterni:

> ffmaam

 

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.