Mappa del Sito

AGOSTINO BONALUMI

(copyright Archivio Bonalumi)

Pittore, accademico dal 2000

Nasce a Vimercate (Milano) nel 1935. Studia disegno tecnico all'Istituto tecnico industriale e tenta nel contempo i primi esperimenti artistici, come le magliette incollate sulla tela e su cui passa delle pennellate di colore. A soli tredici anni espone con una sala personale fuori concorso al Premio Nazionale Città di Vimercate. Bonalumi organizza la sua prima mostra nel 1958 a Milano con Castellani e Manzoni. Dal 1966 partecipa alla Biennale di Venezia e di San Paolo del Brasile e nel 1968 alla Biennale di Parigi. Nel 1970 ha una sala personale alla Biennale di Venezia. Nel 1974 Giulio Carlo Argan cura una mostra riassuntiva del suo lavoro al Palazzo dei Musei di Modena. Nel 1980 una sua antologica è ospitata nelle sale di Palazzo Te a Mantova. Nel 1981 partecipa con Dorazio, Rotella e Santomaso alla mostra "Italian Art four contemporary directions" al Museum of Art di Fort Lauderdale in Florida. Nel 1986 partecipa alla XI Quadriennale di Roma ed alla XLII Biennale di Venezia. Nel 1999 partecipa alla Quadriennale di Roma. Nel 2001 è presente alla collettiva "Materia/Niente" alla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Nel 2001 gli viene conferito il Premio Presidente della Repubblica per la pittura. Nello stesso anno l'Accademia Nazionale di San Luca allestisce una sua personale e lo nomina Accademico.  Sempre nel 2000, nell'ambito del progetto "Temi e variazioni", presenta al Guggenheim Museum di Venezia opere storiche e dell'Ambiente Bianco. Nel gennaio 2003 espone i suoi lavori su carta a partire dal 1960 alla Civica Galleria d'Arte Moderna di Gallarate. Nel novembre 2003, in occasione del Semestre di Presidenza Italiana del Consiglio dell'Unione Europea, partecipa alla mostra "Futuro Italiano" allestita nelle sale del Parlamento Europeo a Bruxelles. Tra il 2003 ed il 2004 viene presentata una grande antologica, con opere dal 1959 al 2003, all'Institut Mathildenöhe di Darmstadt. Agostino Bonalumi è morto il 18 settembre 2013.

Fonte: Galleria Planetario, Trieste, in occasione della mostra di Agostino Bonalumi "L'ordinatore" tenutasi dal 4 giugno al 31 luglio 2004 nella galleria medesima.

 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
Opere dell'Autore:
 
 

 

Link esterni

> Archivio Bonalumi

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.