Mappa del Sito

ANGELO TORRICELLI

Architetto, accademico dal 2019

Nasce nel 1946 a Milano dove si laurea in Architettura al Politecnico nel 1969. Durante il periodo universitario frequenta Ernesto N. Rogers, Franco Russoli, Guido Canella, Aldo Rossi, oltre ad artisti tra cui Aldo Salvadori alla Scuola del Nudo di Brera. Fino al 1988 svolge attività didattica e di ricerca alla Facoltà di Architettura di Milano. Nel 1989 è professore associato di Composizione architettonica presso l’Università di Palermo, trasferendosi a Milano nell’a.a. 1992-93. Ordinario di Composizione architettonica dal 2000, è Preside della Facoltà (poi Scuola) di Architettura Civile del Politecnico di Milano dal 2008 al 2015 e professore onorario dal 2018. Insegna come visiting professor nei Workshop estivi dello iuav e in seminari e workshop internazionali di architettura. Collabora a numerose riviste tra cui «Casabella», «Hinterland», «Controspazio», «Rassegna di Architettura e Urbanistica», «Il Disegno di Architettura». Dal 2008 è direttore della rivista «Architettura Civile». La sua attività teorica e critica ha esito nella produzione saggistica, incentrata su diversi temi: progetto di architettura e suo insegnamento; opere, teorie e poetiche di architetti moderni; rapporto antico/nuovo e progetto nelle aree archeologiche; figurazione e costruzione in architettura. Dal 1972, con studio a Milano, è autore di progetti per concorsi e per incarichi pubblici e privati. Tra le opere realizzate: scuole di Lumezzane (1973-79), Cesano Boscone (1978-79), Cerignola (1997-2001) e Monteleone di Puglia (2006-09); Parco Lodi a Settimo Milanese (1983-87); sepolcreto al Cimitero Monumentale di Milano (1988-92); stabilimenti Campari di Bussolengo (1985-87), Cinisello Balsamo (1986-87) e Osimo (1988-91); corte di Villa Marazzi a Cesano Boscone (1996-99); Quartiere San Samuele (1998-2006) e Centro sociale (2004-05) a Cerignola; ville a Vanzago (1999-2002) e a Varazze (2006-11); Complesso parrocchiale SS. Pietro e Paolo ai Tre Ronchetti Milano (2006-in costruzione). Ottiene menzioni speciali ai concorsi internazionali “Darsena” a Milano (2004), “Il borgo sostenibile” a Milano Figino (2009), “Grande Villa Adriana. Designing the Unesco Buffer Zone” (2018); vince il concorso per la Piazza del Duomo di Cerignola (2009) e quello per “L’albergo diffuso del Borgo Nuovo” a Monteleone di Puglia (2015). Tra i riconoscimenti per l’attività progettuale: xi Compasso d’Oro adi (1979); “Rassegna critica in/arch delle opere di architettura in Lombardia” (1983); menzione speciale al “Marble Architectural Awards Italy” (1988); Premio “Architettura in Capitanata” (2010). Partecipa a mostre: Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica, Milano (1995 e 1999); Triennale di Milano (1973, 1979, 1995 e 2003); Faculdade de Arquitectura da Universidade do Porto (2003); Festival dell’Architettura di Parma (2004 e 2010); Biennale di Venezia (2006); Urban Center di Milano (2010 e 2013); “Italy Now Architecture” a Tokyo (2011); Università di Palermo (2017). Sulla sua opera sono pubblicate le monografie Angelo Torricelli. Architettura in Capitanata. Opere e progetti/Works and projects 1997-2012, a cura di C. Baglione (2014) e Quadri per Milano. Prove di architettura, a cura di G. Comi (2017). È membro dell'Accademia Nazionale di San Luca dal 2019.

 

 

 

 

 

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.