Mappa del Sito

PETER M. LUKEHART

Benemerito, accademico dal 2021

Peter M. Lukehart ricopre dal 2001 la carica di Associate Dean presso il Center for Advanced Study in the Visual Arts con sede alla National Gallery of Art di Washington, DC. Precedetemente a questo incarico il professor Lukehart ha ricoperto ruoli sia in ambito accademico, come professore associato presso il Dickinson College in Pennsylvania (1992- 2001) e come visiting assistant professor presso la George Mason University (1988-1990), sia a livello istituzionale in funzione di direttore della Trout Gallery con sede al Dickinson College (1992-2001), e come assistente curatore di pittura italiana di epoca barocca alla National Gallery di Washington DC (1990-1992). Dopo aver completato gli studi triennali in Letteratura Francese presso l’Eckerd College (1977) e la laurea magistrale in storia dell’arte presso la Temple University, il professor Lukehart ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Storia dell’Arte nel 1988 presso la John Hopkins University con una tesi intitolata Contending Ideals: The Nobility of Giovanni Battista Paggi and the Nobility of Painting. I suoi più recenti contributi scientifici includono “A Brief History of the Accademia di San Luca,” in Raphael and His Followers: Masterpieces from the Accademia di San Luca, catalogo della mostra a cura di Luigi Strinati (Beijing: Shi Dai Hua Wen, 2021); “Giovanna Garzoni, Accademica,” in “The Immensity of the Universe” in the Art of Giovanna Garzoni, exhib. cat., ed. Sheila Barker (Livorno: Sillabe, 2020); “The Evidence of Drawing: Giovanni Battista Paggi and the Practice of Draftsmanship in Late Sixteenth-Century Italy,” in Drawing Education: Worldwide!, a cura di Nino Nanobashvili e Tobias Teutenberg (Heidelberg: Heidelberg University Publishing, 2019); “Life Drawing Lessons: Accademie and “Accademie dal vero” at the Turn of the Seventeenth Century,” in Il disegno dal vero come prattica storica e sapere contemporaneo: Accademia à l’Académie, catalogo della mostra a cura di Sarah Linford, (Roma: Artemide, 2017);  “Nuda veritas: The Afterlife of Michelangelo's Indecorous Figures in the Last Judgment,” in After 1564: Death and Rebirth of Michelangelo in Late Sixteenth-Century Rome, a cura di Marco Simone Bolzoni, Furio Rinaldi e Patrizia Tosini (Roma, 2016);  “The Practice and Pedagogy of Drawing in the Accademia di San Luca,” in Lernt Zeichnen! Techniken zwischen Kunst und Wissenschaft, 1525-1925, catalogo della mostra a cura di Maria Heilmann, Nino Nanobashvili, Ulrich Pfisterer,Tobias Teutenberg, (Monaco, 2015). Ai lavori dedicati all’arte italiana si aggiunge la curatela di una miscellanea di saggi dedicati agli albori della storiografia storico artistica americana intitolata The Early Years of Art History in the United States (Princeton: Department of Art and Archaeology Press, 1993). Tra i numerosi premi e riconoscimenti ricevuti dal professor Lukehart nel corso della sua carriera, si annoverano il Dibner Award for Excellence in Museum Exhibits (2001) e una borsa Fulbright Senior Research (1998-1999) per un soggiorno di ricerca a Roma, che premise al professor Lukehart di avviare i suoi studi sull’ Accademia di San Luca.  Dal 2017 al 2021 il professor Lukehart ha seduto nel Consiglio di Amministrazione della College Art Association in qualità di Tesoriere e di Vice Presidente alle pubblicazioni scientifiche. Attualmente è membro del Consiglio di Redazione per Rivista d’Arte e dal 2001 serve come rappresentante del Center for Advanced Study in the Visual Arts nel Consiglio di Amministrazione dell’Association of Research Institutes in Art History (ARIAH) e in quello del Research Institutes in the History of Art (RIHA) dal 2010. Il professor Lukehart è stato membro di commissione di tesi per le scuole di dottorato dei seguenti atenei: Temple University, University of Sydney, University of Melbourne, l’Università degli Studi di Genova, e l’Università La Sapienza di Roma. L’interesse di lunga data del professor Lukehart rivolto allo studio della pedagogia della pratica artistica e contestualmente all’indagine della partcipazione  degli artisti in corporazioni e accademie durante la prima età moderna è confermata da svariati studi sul tema, come il saggio Taddeo and Federico Zuccaro: Artist-Brothers in Renaissance Rome incluso nel catalogo della mostra (J. Paul Getty Museum, 2007) e The Artist’s Workshop (1993) pubblicato nella serie da lui curata Studies in the History of Art presso la National Gallery of Art. Tra i lavori scientifici espressamente dedicati alla storia dell’Accademia di San Luca, si segnalano il saggio “Visions and Divisions in the Early History of the Accademia di San Luca” apparso nel volume da lui curato dal titolo Accademia Seminars (2009) e l’ideazione e la direzione del  progetto di ricerca digitale “The History of the Accademia di San Luca, c. 1590-1635: Documents from the Archivio di Stato di Roma” (https://www.nga.gov/accademia/en/intro.html), scaturito e reso possibile della collaborazione internazionale tra la National Gallery of Art, l’Archivio di Stato di Roma, e l’Accademia Nazionale di San Luca. È Accademico Benemerito di San Luca dal 

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.