Mappa del Sito

IGINO LEGNAGHI

Scultore, accademico dal 2007

Nasce nel 1936 a Verona, dove vive e lavora. Svolge l’apprendistato alla lavorazione dei metalli nel laboratorio del padre. Tra il 1967 e il 1969 completa la sua formazione con una serie di viaggi studio negli Stati Uniti. È titolare della Cattedra di Scultura alla NABA-Nuova Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano. Prima mostra personale alla Galleria Ferrari di Verona (1967). Dalla metà degli anni Sessanta partecipa a diverse rassegne nazionali e internazionali quali la Biennale di Venezia (1966, 1968), “Convergenze 8” a Palazzo Ducale di Sabbioneta (1968), i Premi Nazionali del Fiorino a Palazzo Strozzi a Firenze (1969, 1979), “Scultura italiana contemporanea” nel centro storico di Bologna (1971), la Quadriennale di Roma (1972), “Scultura e spazio urbano” alla Galleria d’Arte Moderna di Forte dei Marmi (1982), “Il sentimento della costruzione. Artisti Italiani dal dopoguerra ad oggi” al Museum Robalderhaus a Schwaz (1997), “Scultura a Milano” all’Istituto Italiano di Cultura a Vienna (1998), “Artists of Brera” al Taiwan International College of Arts a Taiwan (1998), “Il settimo splendore. La modernità della malinconia” a Palazzo della Regione di Verona (2007). Presenta, inoltre, numerose mostre personali tra cui le più importanti: al Camden Arts Centre di Londra (1973), alla Bryan & Scott Fine Arts Gallery a Colorado Springs (1978), “Igino Legnaghi: opere dal 1965 al 1982” alla Galleria Civica d’Arte Moderna a Palazzo Tè a Mantova (1982), “Les Tables di Igino Legnaghi 1970-1986” al Gran Palais a Parigi (1986), “Igino Legnaghi. Disciplina formale e sostanza spirituale” ad Arte Studio Invernizzi a Milano (2006), “Igino Legnaghi Francois Morellet” a Villa Pisani Bonetti a Bagnolo di Lonigo (2008). Sue opere figurano in collezioni pubbliche tra cui la GNAM di Roma, il Museum of Modern Art di Tel Aviv, la Pace University, la New School Art Center di New York, la State University di Postdam, l’American Federal Bank di Colorado Springs. È membro dell’Accademia Nazionale di San Luca dal 2007.

 

Link interni:

"La collezione delle opere dei maestri accademici contemporanei"
 
Opere dell'Autore:
 
"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
Opere dell'Autore:
 
 
Documenti online

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.