Mappa del Sito

PIETRO DEROSSI

 

Architetto, accademico dal 1998

Nasce a Torino nel 1933, dove si laurea alla Facoltà di Architettura nel 1959. È professore ordinario di Progettazione architettonica alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano e visiting professor all'Architectural School dell'Architectural Association di Londra e alla Hochschüle der Künste di Berlino. È professore a contratto al Pratt Institute e alla Columbia University di New York e alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Losanna. È responsabile scientifico della XIV Triennale di Milano. Dal 1995 fonda la Derossi Associati che si completa con la partecipazione degli architetti Paolo Derossi e Davide Derossi. Tra gli ultimi progetti si segnalano: il progetto e la realizzazione dello showroom e dei nuovi uffici della Medway S.A., Mezzovico, Lugano (1998); il Centro per la conservazione ed il restauro nel complesso della Reggia di Venaria Reale (realizzato nel 1999); il Concorso internazionale per l'Università di Torino, area ex-Italgas (secondo premio, 2002); il Concorso per il restauro della Villa dei Laghi nel Comune di Druento da trasformare in albergo cinque stelle (primo classificato, 2003); il Concorso per la realizzazione dell'Urban Center del Comune di Venaria Reale, Torino (primo classificato, 2004); il Concorso per il Palazzo dello Sport e il Museo della Scherma a Vercelli (primo classificato, 2005); MOdAM museo e scuola della moda, Milano (seconda fase, 2006); il Concorso per la realizzazione del Villaggio Olimpico per le Olimpiadi Invernali Torino 2006 (primo classificato, realizzato, 2006). Tra le principali mostre si segnalano: "Italy - New domestic Landscape" al MOMA, Museo d'Arte Moderna (New York, 1972); "Le case della Triennale: la casa per lavorare" alla XVII Triennale di Milano (Milano, 1983); "Berlino, Racconti di Architettura" all'I.B.A. Internationale Bauausstellung Berlin (Berlino, 1987); "Città. Architettura e società" alla X Biennale di Venezia (Venezia, 2006); "Racconti di Architettura" alla Fondazione Merz (Torino 2007); "Design X Abitare, arredi di architetti torinesi" (Torino, 2008). È membro dell'Accademia Nazionale di San Luca dal 1998.

 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
Opere dell'Autore:
 
 
 

Link esterni:

 

 

 

 

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.