Mappa del Sito

ADOLFO NATALINI

 

Architetto, accademico dal 1995

Nasce nel 1941 a Pistoia. Dopo un'esperienza pittorica si laurea in Architettura a Firenze nel 1966. È professore ordinario presso la facoltà di Architettura di Firenze e membro onorario del BDA Bund Deutscher Architekten) e dell'AIA (American Institute of Architects). È membro dell'Accademia delle Arti del Disegno di Firenze e dell'Accademia di Belle Arti di Carrara. Nel 1966 fonda con Cristiano Toraldo di Francia e altri il Superstudio, uno dei gruppi artefici dell'affermazione della cosiddetta architettura radicale, significativa avanguardia degli anni Sessanta e Settanta. L'esperienza del Superstudio termina nel 1986 e i suoi progetti appaiono in pubblicazioni e mostre in tutto il mondo e sue opere fanno ora parte delle collezioni di prestigiosi musei come il MOMA di New York, Israel Museum Jerusalem, Deutsches Architekturtmuseum Frankfurt am Main, Centre Pompidou Paris. Dal 1979 inizia una sua attività autonoma e si concentra su progetti per i centri storici in Italia e in Europa. Tra le sue principali opere si segnalano: i progetti per il Römerberg a Francoforte; la banca di Alzate Brianza; la casa in Saalgasse a Francoforte; il Teatro della Compagnia a Firenze. Nel 1991 inizia l'attività dei Natalini Architetti con Fabrizio Natalini. Tra le loro opere si ricordano: la ricostruzione della Waagstraat a Groningen; la Muzenplein a L'Aja; il Polo Universitario a Novoli, Firenze, Boscotondo a Helmond; il Polo Universitario a Porta Tufi a Siena; il Museo dell'Opera del Duomo e il progetto per i Nuovi Uffizi a Firenze. Tra i concorsi recenti: il Parco della Musica a Firenze (2007); il Teatro San Carlo a Napoli (gruppo vincitore 2008). Tra le mostre si segnalano: "Italy the new domestic landscape" al MOMA (New York, 1972); molte partecipazioni alle Biennali di Venezia e alle Triennali di Milano. La grande mostra antologica "Superstudio 1966-1982" (Firenze, 1982); "Duetto Roberto Barni - Adolfo Natalini", a cura di Francesco Moschini, alla A.A.M. Architettura Arte Moderna (Roma, 1982); "Adolfo Natalini architettore", a cura di V. Fagone (Lucca, 2003); "Superstudio life without objects" (Londra, New York, Middelburg, 2003-2006). È membro dell'Accademia Nazionale di San Luca dal 1995.

 

Bibliografia scelta:
 
A. Natalini, Figure di pietra, Electa, Milano 1984;
V. Savi, Adolfo Natalini - Architetture raccontate, Electa, Milano 1989;
A. Natalini, Il Teatro della Compagnia, Anfione e Zeto, Il Poligrafo, Padova 1989;
V. Savi (a cura di),  Adolfo Natalini. Natalini architetti. Nuove architetture raccontate, Mondadori Electa, Milano 1996;
F. Arrigoni (a cura di), Adolfo Natalini. Disegni, 1976-2001, Federico Motta, Milano 2002;
A. Natalini, Adolfo Natalini, Album Olandese, Aion, Firenze 2003.
 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
Opere dell'Autore:
 

 

Link esterni:

> nataliniarchitetti.com

> fmaam

 

 

 

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.