Mappa del Sito

UMBERTO RIVA

Architetto, accademico dal 1998

Nasce nel 1928 a Milano. Si laurea in Architettura a Venezia nel 1959. Inizia la sua attività professionale a Milano nel 1960. Tra le realizzazioni si segnalano: una casa a Stintino (1960), una casa a Milano (1967), una casa a Taino (1969); case in Sardegna (1972); una casa a Osmate (1975); la scuola di Faedis (1977); piazza San Nazaro a Milano (1989-1992); la casa Miggiano a Otranto (1990-1996); la porta d'ingresso e la vetrina alla A.A.M. Architettura Arte Moderna di Milano (1990); Case alla Morlana a Bergamo (1991 e 1995-2002); il cantiere navale Fincantieri, Castellammare (1999-2002); la piazza della Farnesina a Roma (1991 e 1996-2002) e la centrale termoelettrica di Termoli (2006). Tra l'architettura di interni: la casa Frea, Milano (1983-1984); la casa Insinga, Milano (1987); la casa Vernizzi, Parigi (1988); il negozio IB Office, Padova (1992); l'allestimento di atrio, bar e libreria del Palazzo dell'Arte, Milano (1994-1995 ); la ristrutturazione del Caffè Pedrocchi, Padova (1994-1998); l'organizzazione di Palazzo Barbaran da Porto, Vicenza (1998). Disegna lampade per Fontana Arte, Francesconi, VeArt di Scorzè, Barovier & Toso e mobili per Poltronova, Fontana Arte, Bigelli Marmi, Driade. Nel 1985 espone "Casa Frea" alla Biennale di Parigi e partecipa alla mostra "Progetto Domestico" promossa dalla Triennale col prototipo di un serramento-serra. Nel 1990 è invitato alla mostra del design italiano "Creativitalia" a Tokyo e nel 1991 alla V Mostra Internazionale della Biennale di Venezia. Cura la mostra su Frederick Kiesler nel palazzo dell'Arte di Milano e su Francesco Podesti alla Mole Vanvitelliana di Ancona (1996); su Palladio (1999); John Soane e Carlo Scarpa nel palazzo Barbaran da Porto, Vicenza (2000); su John Soane a Montreal (2001). Tra le sue mostre si segnalano: "Umberto Riva. Sistemazioni Urbane", Palazzo Bosdari (Ancona, 1997); "Disegni di Architettura dal Dopoguerra ad oggi, dalla collezione di Francesco Moschini A.A.M. Architettura Arte Moderna" alle Scuderie Medicee di Poggio a Caiano (2002) con omonimo catalogo edizioni Centro Di. Ha tenuto corsi in diverse facoltà di architettura italiane. È membro dell'Accademia Nazionale di San Luca dal 1998.

 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
 
Opere dell'Autore:
 
 
 
 

Link esterni:

 
 

  

Documenti online

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.