Mappa del Sito

GAE AULENTI

Architetto, accademico dal 1983

Nasce nel 1927 a Palazzolo dello Stella. Si laurea nel 1954 al Politecnico di Milano, dal 1955 al 1965 è nella redazione di «Casabella-Continuità» diretta da Ernesto Nathan Rogers e dal 1974 al 1979 nel Comitato Direttivo di «Lotus International». Fra i principali riconoscimenti, il titolo di Chevalier della Légion d'Honneur, Parigi, 1987; Membro Onorario dell'American Institute of Architects, 1990; Praemium Imperiale per l'Architettura, Tokyo, 1991; Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica Italiana, Roma, 1995. Tra i progetti: Museé d'Orsay a Parigi (1980-86); il nuovo allestimento del Musée National d'Art Moderne al Centre Pompidou (1982-85); la ristrutturazione di Palazzo Grassi a Venezia (1985-86); il nuovo accesso alla Stazione S. Maria Novella a Firenze (1990); il Padiglione Italiano all'EXPO '92 di Siviglia; la ristrutturazione del Palazzo del Governo della Repubblica di S. Marino (1991-96); la nuova Galleria per Esposizioni Temporanee alla Triennale di Milano (1994); l'allestimento del nuovo percorso di visita del Castello Estense a Ferrara (2004) e della mostra "Arti & Architettura 1900-2000" al Palazzo Ducale di Genova (2004-2005). Tra i progetti recenti: il nuovo Asian Art Museum San Francisco e il Museo Nazionale d'Arte Catalana a Barcellona; la sede della Cancelleria dell'Ambasciata Italiana e l'Istituto Italiano di Cultura a Tokio; il Palavela di Torino, per i Giochi Olimpici Invernali 2006; la "Città degli Studi" a Biella; la nuova Biblioteca Comunale e Centro Culturale a Paderno Dugnano, Milano; l'ampliamento di due centrali di termoutilizzazione di rifiuti solidi urbani in provincia di Rimini e Forlì; il progetto di ampliamento dell'Aereoporto di Perugia. Tra le mostre si segnalano: "Un'idea di teatro. Gae Aulenti, Arduinio Cantafora, Bruno Minardi, Franco Purini, Massimo Scolari" alla A.A.M. Architettura Arte Moderna, a cura di Francesco Moschini (Roma, 1980); "Futurismo & Futurismi" a Palazzo Grassi (Venezia, 1986); "The Italian Metamorphosis 1943-1968" al Guggenheim Museum di New York e al Kunstmuseum di Wolfsburg (1994-1995); "1951-2001 Made in Italy Memoria" alla Triennale di Milano (2001); "1950-2000: Theater of Italian Creativity" (New York, 2003); "Arti & Architettura 1900-2000" a Palazzo Ducale (Genova, 2004). Membro dell'Accademia Nazionale di San Luca dal 1983, muore nel novembre del 2012 a Milano.


 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
 
 
Opere dell'Autore:
 

  


 

Link esterni:

> gaeaulenti.it
 

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.