Mappa del Sito

VALERIANO TRUBBIANI

Scultore, accademico dal 1989

Nasce nel 1937 a Macerata, vive e lavora ad Ancona. Inizia ad esporre all’inizio degli anni Sessanta; la sua attività di scultore e disegnatore si caratterizza per lunghi cicli tematici: le Macchine belliche degli anni Sessanta, la fitta Sfilata degli animali, le misteriose città monumentali dei Racconti di terra, i Racconti d’acqua e di mare. Negli anni partecipa a diverse tra le più importanti rassegne nazionali ed internazionali, quali la Biennale di Venezia (1966, 1972, 1978), sei edizioni della Quadriennale di Roma dal 1959 al 1999, “La scultura Moderna in Italia 1950-2000” a Vicenza (2005), “Arte Italiana del XX secolo” a Mosca e Ancona, la Triennale di Arte Sacra a Celano (2007), “A Forest of Sculptures”, la Collezione Simon Spierei presso l’Hessian StateMuseum di Darmstadt, l’Athinais Cultural Centre di Atene, l’Institute For Cultural Exchange di Tubinga, “L’Arte Incisa” a Villa Picena, Colli del Tronto. Presenta numerose personali tra cui: “Valeriano Trubbiani. Mostra antologica dell’opera grafica (1965-1985)” al Museo Civico di Reggio Emilia (1985), “Fabula Terribilis” al Museo Boncompagni Ludovisi di Roma (2006), “Terra: materia-simbolo” a Forte di Bard, “Disegni Inediti (da L’onda Visionaria)”, alla Civica Pinacoteca F. Podesti di Ancona, “Incontro con l’autore” al Fortino Napoleonico di Portonovo. Partecipa ad esposizioni di Libri d’Artista, di gioielli e film sperimentali. Collabora alla scenografia del film E la nave va di F. Fellini. Gruppi di sculture e disegni sono presenti in diversi musei italiani, tra cui la Gnam di Roma, e stranieri, in Israele, Germania, Francia, negli Stati Uniti presso la The Art Collection at Potsdam di New York, in Olanda al Museum Beelden Aan Zee di Scheveningen, in Giappone al Museum of Fine Arts di Gifu e al Miyazaki Prefectural Art Museum di Miyazaki. Il suo lavoro è sottolineato nel romanzo del Premio Nobel J. Saramago Manuale di pittura e calligrafia. È membro dell’Accademia Nazionale di San Luca dal 1989.

 

 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
 
Opere dell'Autore:

 

 

 

 

Documenti online

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.