Mappa del Sito

SAVERIO BUSIRI VICI

Architetto, accademico dal 1987

Nasce nel 1927, appartiene ad una dinastia di architetti che dal 1600 circa si tramandano tale attività. Risiede ed ha studio professionale a Roma. Laureatosi, inizia la professione con opere in collaborazione, contemporaneamente espletando la propria attività professionale. Conosce le Corbusier e Alvar Aalto. Costituisce un proprio studio dove svolge numerosi incarichi di Architettura e di Urbanistica. Svolge lavori all’estero, in Francia e in Svizzera. È Architetto degli Osservatori Astronomici di Roma e del Lazio e per trenta anni Architetto di Propaganda Fide, per la quale realizza numerose opere moderne (Auditorium, Rettorato - Biblioteca, Centro Congressi Pontificia Università Urbaniana -) e restauri. È consultore della Commissione Centrale di Arte Sacra e membro per l’Italia de l’Association Internationale Le Corbusier. Riceve un riconoscimento della “The Concrete Society” di Londra ed una segnalazione al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano. Dal 1992 al 1995 collabora con l’Ufficio Progetti del Governatorato della S.C.V. Nel 2002 il suo archivio personale viene dichiarato di “notevole interesse storico” dalla Soprintendenza Archivistica del Lazio (Ministero per i Beni e le Attività culturali). Tra i progetti: il Centro Residenziale in via Casilina, Roma (1958); i Portali di accesso Galleria Lago di Albano, Roma, Infrastruttura Olimpiadi (1960); l’Albergo a Valle del Diavolo, Pescasseroli, L’Aquila (1962); l’Edificio per uffici per la società TITANUS, Roma (1962); il collegio universitario di San Pietro, via Mura Aurelie 4 (1967); gli edifici pluriuso di viale Jonio 10 (1972); la residenza a Roma, via Alessandro Magno 311 (1970); l’istituto religioso S. Vincenzo de Paoli, via dei Capasso 30 (1971); La Chiesa della Visitazione, Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e Provvista di Nuove Chiese in Roma (1971); la Ristrutturazione dell’ala sud con la realizzazione del “Pio Istituto per la Famiglia Giovanni Paolo II”, la Pontificia Università Lateranense (1980); l’Accademia di San Luca, Palazzo Carpegna: progetto e plastico per la ristrutturazione e il riadattamento del piano terreno per Mostre e Archivio (1991-1992); l’Istituto Beck (Scuola per disabili), Roma (1995). Tra gli allestimenti e le scenografie: i telefilm “Solo” di S. Bolchi (sculture); “Milord” di Albano (sculture) e la mostra “Anni ’90” nelle “Navi” di Cattolica (FC): progetto e relazione presentati nell’ambito del Convegno dei Comuni dell’Emilia Romagna (1991). È membro dell’Accademia Nazionale di San Luca dal 1987.

 

Link interni:

"Per una collezione del disegno contemporaneo"
 
 
Opere dell'Autore:

   

Link esterni:

 

Documenti online

L'Accademia è strutturata nelle tre classi di pittura, scultura e architettura, equamente rappresentate nei raggruppamenti degli Accademici Nazionali e Stranieri.
I novanta Accademici Nazionali sono eletti fra i pittori, gli scultori e gli architetti italiani.
I trenta Accademici Stranieri sono eletti fra gli artisti e gli architetti ovunque residenti. Alle tre classi si aggiungono quelle dei Cultori e dei Benemeriti. I trentasei Accademici Cultori sono eletti fra gli studiosi dell'arte e dell’architettura di ogni nazionalità, venuti in particolare fama.
I ventiquattro Accademici Benemeriti sono eletti fra le persone di ogni nazionalità, che si sono eccezionalmente distinte verso le arti e verso l'Accademia.
Complessivamente gli Accademici sono centottanta. La massima carica dell'Accademia, da sempre assegnata a rotazione a un esponente di ciascuna delle arti, fino agli statuti approvati nel 1812 era rappresentata da un Principe, affiancato nella sua attività istituzionale da due Consoli. L'ultimo Principe fu Antonio Canova. Dopo di lui, la carica fu modificata in Presidente.

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.