Mappa del Sito
News dall'accademia
21/mar/2012 - 22/apr/2012

Melchiorre Cafà
Scultore maltese nella Roma barocca

Modelli e bozzetti della Cattedrale di Malta

a cura di

Sante Guido, Giuseppe Mantella, Edgar Vella

 

Mercoledì 21 marzo alle ore 17.30,  l'Accademia Nazionale di San Luca, negli spazi della Galleria Accademica,  inaugura l'esposizione  Melchiorre Cafà Scultore Maltese nella Roma Barocca - Modelli e Bozzetti dalla cattedrale di Malta.  
Melchiorre Cafà è  il più importante artista maltese giunto a Roma alla fine degli anni ‘50 del Seicento e ivi attivo fino al 1667, anno della sua morte. La formazione  romana e il costante legame che mantenne con la sua terra d’origine  fanno della figura di Melchiorre Cafà un significativo esempio dei reciproci rapporti di scambio culturale  che da secoli intercorrono tra la penisola italiana e l'arcipelago maltese.
Cafà, nato a Vittoriosa nel 1635, lavorò a Roma presso la bottega di Ercole Ferrata, allievo ed erede di Alessandro Algardi. Nel corso della sua breve esistenza ottenne prestigiosi incarichi da parte di importanti mecenati, come il principe Camillo Pamphilj (per le chiese di sant'Agnese in Agone e di sant'Agostino) o il potente ordine dei Domenicani (per la chiesa di santa Caterina a Magnanapoli),  oltre a committenze dal Gran Maestro dei Cavalieri di Malta.
Il suo talento lo portò nel 1662 ad essere eletto, a soli ventisei anni, Accademico di San Luca, la più autorevole istituzione artistica  nella Roma dei papi,  oggi sede espositiva dei cinque modelli e bozzetti in cera rossa, recentemente rinvenuti a Malta. Queste cinque opere costituiscono i modelli di studio preliminari per la realizzazione di grandi rilievi in marmo, utilizzati come pale d'altare secondo la tradizione barocca. I rilievi esposti raffigurano, nell'espressivo linguaggio seicentesco romano, temi come la Natività, l’Adorazione dei pastori, l’Annunciazione, la Gloria di santa Rosa da Lima, la Gloria di santa Caterina da Siena (modello, quest'ultimo, per la pala d’altare in marmi policromi della chiesa romana di Santa Caterina a Magnanapoli). I bozzetti esposti testimoniano con la loro straordinaria finitezza  la grande abilità tecnica raggiunta dallo scultore maltese e illustrano, nel contempo, una delle fasi fondamentali del processo creativo che trova sua realizzazione ultima nell'opera in marmo.
Quasi dimenticate da secoli, quattro delle cinque cere presenti in mostra, erano ancora nel 2008 ricoperte da spessi strati di gesso e conservate nella Sacrestia della Cattedrale di Mdina a Malta senza che di esse si conoscesse il valore artistico. Tuttavia forma e modellato, non del tutto oscurati dalle sovrapposizioni, hanno permesso ai curatori di intuire l’importanza delle opere che, dopo un attento e delicatissimo intervento conservativo, sono state riconosciute come autografe dello scultore.
Le cinque opere costituiscono un esempio della maturità artistica raggiunta da Melchiorre Cafà, che divenne uno dei protagonisti – con significativi riconoscimenti, anche dai suoi contemporanei –  della seconda generazione di artisti della Roma barocca, in ideale prosecuzione dell'opera insieme di Gian Lorenzo Bernini e Alessandro Algardi, rappresentanti delle due visioni contemporanee dell'arte del Seicento a Roma, in continuo, fertile reciproco confronto dialettico.
Le opere dal 2010 sono parte delle collezioni d'arte di pertinenza della cattedrale metropolita di Malta e  sono custodite nel museo Arcivescovile.
L'esposizione verrà inaugurata dal presidente della Repubblica di Malta, George Abela, ospite del presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, il 21 marzo 2012 e resterà aperta al pubblico fino al 22 aprile nella sede della prestigiosa istituzione romana.
La mostra, a cura  di Sante Guido, Giuseppe Mantella e Edgard Vella, è corredata dal volume Melchiorre Cafà, insigne modellatore, a cura di Sante Guido e Giuseppe Mantella. La pubblicazione  illustra l'attività di Melchiorre Cafà a Roma e a Malta,  documenta le fasi del rinvenimento dei cinque bozzetti in esposizione  e il loro restauro, aggiungendo  interessanti confronti stilistici e approfondimenti sulla tecnica esecutiva.

 

Link interni:

> Video della mostra sul Nam, Nuovo Archivio Multimediale

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.