Mappa del Sito
News dall'accademia
04/mag/2013

Open House Roma
Scopri l'architettura della capitale

Visite guidate a Palazzo Carpegna e alla Chiesa dei santi Luca e Martina

 
L'Accademia Nazionale di San Luca partecipa alla seconda edizione di Open House Roma, evento per la conoscenza dell'architettura sviluppato in 4 continenti in più di 20 città.
Sabato 4 maggio 2013 la sede di Palazzo Carpegna e la Chiesa dei santi Luca e Martina verranno mostrate al pubblico con visite guidate di storici dell'arte e dell'architettura che si svolgeranno ad orari stabiliti nell'arco dell'intera giornata secondo i seguenti turni di ingresso:
 
Palazzo Carpegna:  ore 10.00 / 11.00 / 12.00 / 13.00 / 14.00 / 15.00 / 16.00 / 17.00 / 18.00 / 18.30
Chiesa dei santi Luca e Martina: ore 10.00 / 11.30 / 13.00 / 14.30 / 16.00 / 19.00
 
L’Accademia Nazionale di San Luca ha sede in Palazzo Carpegna, già proprietà dei principi e cardinali Carpegna per i quali Francesco Borromini fra il 1643 e il 1650 pose in essere importanti opere di trasformazione e ampliamento dell’antico nucleo cinquecentesco. I cambiamenti che nei secoli seguenti lo stabile subì non hanno contaminato l’opera borrominiana, ancora pressoché integra: si veda l’elegante portico situato al piano terreno, il portale dal ricco fregio decorato a stucchi e la rampa elicoidale che dall’ingresso conduce ai piani superiori. L’aspetto attuale del Palazzo è anche il risultato degli interventi di rifacimento operati da Gustavo Giovannoni e Arnaldo Foschini tra il 1933 e il 1934 al fine di ospitare l’Accademia di San Luca, qui ufficialmente trasferita il 24 aprile 1934 dalla antica sede di via Bonella ai Fori. Al piano terra sono attualmente collocati spazi per esposizioni temporanee di arte e di architettura e ambienti riservati alla conservazione e custodia di libri e di fondi di disegni accademici. Al piano nobile sono situate la Presidenza con gli uffici della Segreteria Generale, la Sala delle Conferenze e la Sala del Consiglio accademico. Al secondo piano si trovano invece l’Archivio Storico, le Biblioteche (Accademica e Romana Sarti) e gli uffici amministrativi. Il terzo e ultimo piano ospita infine la Galleria Accademica e il Laboratorio di Conservazione e Restauro.

Tra le proprietà accademiche, ha riaperto dopo un lungo restauro la Chiesa dei santi Luca e Martina, nel cuore del Foro Romano, una tra le testimonianze di maggior rilievo del barocco romano realizzata a partire dal 1634 su resti di antiche costruzioni secondo il progetto di Pietro Berrettini da Cortona, allora principe dell’Accademia. In seguito allo straordinario ritrovamento delle reliquie della martire Martina (24 ottobre 1634), per volere di Urbano VIII Barberini, il progetto iniziale, che prevedeva solo la trasformazione della cripta in sepolcro dell’architetto-pittore, venne ampliato dando all’edificio l’aspetto attuale, con chiesa superiore a croce greca e cupola al centro del transetto e chiesa inferiore riccamente decorata da marmi policromi. I lavori, interrotti più volte, si conclusero nel 1679, dieci anni dopo la morte di Pietro da Cortona. Interventi di decorazione si protrassero poi nei secoli XVIII e XIX. Negli anni Trenta del Novecento, per la realizzazione di via dell’Impero (oggi via dei Fori Imperiali) sono state infine demolite alcune costruzioni adiacenti la parte retrostante della chiesa, compresa la sede accademica, da allora trasferita in Palazzo Carpegna.

Altri riferimenti

> hopenhouseroma.org

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.