Mappa del Sito
News dall'accademia
30/set/2013

Presentazione del volume
STUDIO D'ARCHITETTURA CIVILE

Gli atlanti di architettura moderna e la diffusione
dei modelli romani nell'Europa del Settecento

 

a cura di Aloisio Antinori

 

introduce e coordina

Francesco Moschini

 

intervengono

Francesco Paolo Di Teodoro, Jörg Garms, Augusto Roca De Amicis

 

Lunedì 30 settembre, alle ore 17,30, all’Accademia Nazionale di San Luca verrà presentato il volume Studio d'Architettura Civile. Gli atlanti di architettura moderna e la diffusione dei modelli romani nell'Europa del Settecento a cura di Aloisio Antinori (Edizioni Quasar, Roma 2012).
Tra il 1683 e il 1721 gli editori Giovanni Giacomo e Domenico De Rossi pubblicarono una serie di volumi dedicati all’illustrazione dell’architettura romana moderna: gli Insignium Romae Templorum Prospectus (1683 e poi 1684), i Disegni di vari Altari e Cappelle (1688 o 1689) e i tre volumi dello Studio d’Architettura Civile (1702, 1711 e 1721). Abbandonando l’usuale veduta prospettica, queste raccolte di stampe presentavano gli edifici in prospetto, pianta e sezioni, e ne fornivano dunque i dati metrici esatti. Si rivolgevano perciò, in Italia e in Europa, non più soltanto agli ammiratori dei fasti del Cattolicesimo o agli aristocratici nostalgici del proprio grand tour, ma anche a un ben più vasto pubblico di operatori dell’architettura: studenti, dilettanti e professionisti di ogni livello, e inoltre maestri di scalpello, artisti dello stucco e apparatori.
Il successo degli atlanti De Rossi, specialmente dello Studio d’Architettura Civile, fu vivissimo in Italia e ancora maggiore in Europa. Le tavole dello Studio, infatti, non solo potevano rappresentare – come scrisse Preciado de la Vega – una valida alternativa ai viaggi d’istruzione, ma risultavano preziose anche per quanti a Roma erano stati, giacché dei suoi edifici fornivano riproduzioni accurate e rigorosamente in scala: ben più precise e attendibili, in definitiva, di qualsiasi memoria grafica tracciata sul posto. Durante la prima metà del XVIII secolo i pattern books De Rossi entrarono così nelle biblioteche di architetti, committenti e accademie di tutta Europa, offrendo ai progettisti un’ampia varietà di prestigiosi modelli, relativi soprattutto, ma non esclusivamente, al linguaggio decorativo.  
La ricerca di cui il libro dà conto si è sviluppata in più direzioni. In ambito romano si è ripercorsa la vicenda quasi secolare della stamperia De Rossi alla Pace (1648-1738), esaminandone le scelte editoriali in rapporto al mutare degli orientamenti culturali e alle oscillazioni del gusto architettonico. Nel contempo si è cercato di far nuova luce su alcuni aspetti rilevanti della produzione e del commercio dei libri d’architettura nella Roma del tempo: l'evoluzione tecnica e i suoi effetti, la difesa del diritto d'autore per mezzo del privilegio papale, i termini del contratto che legava gli artisti all'editore, la determinazione del prezzo di vendita dei volumi e delle stampe sciolte, le forme della concorrenza, i rapporti con l’estero.
Dell’interesse che lo Studio d’Architettura Civile suscitò in Italia trattano due saggi dedicati alle opere di uguale titolo – e tuttavia diverse nei contenuti – pubblicate o progettate nel secondo e terzo decennio del secolo a Firenze (Ruggieri), Torino (Juvarra), e nella stessa Roma (Vasconi).
Un’ampia parte del libro è dedicata infine alle indagini che cinque studiosi hanno condotto in Austria, Germania, Inghilterra, Portogallo, Spagna e Svezia sui tempi e i percorsi della diffusione dei libri De Rossi in quei contesti; sul ruolo che essi svolsero, in modo parallelo e complementare ai viaggi di studio, nell’orientare il gusto di alcune élites verso i grandi esempi romani della prima età barocca; sull’uso – non di rado diretto ed evidente – che gli architetti ne fecero nel loro operare.
 
 
 
Link interni:

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.