Mappa del Sito
News dall'accademia
08/nov/2013

Inaugurazione della
Sala dei Paesaggi

GALLERIA ACCADEMICA

 
Indirizzi di saluto
Paolo Portoghesi, Francesco Moschini
 
Introduzione alla visita
Angela Cipriani, Marisa Dalai Emiliani, Fabio Porzio

 

Venerdì 8 novembre, alle ore 12.00, viene aperta al pubblico la Sala dei Paesaggi nella Galleria dell'Accademia Nazionale di San Luca, ordinata secondo il progetto museologico di Angela Cipriani e Marisa Dalai Emiliani e con  l'allestimento di Francesco Cellini, dopo una campagna di restauri diretta da Fabio Porzio e sostenuta da ABBVIE.
 
Mentre le prime sale della Galleria mettono in scena i protagonisti della vita plurisecolare dell’Accademia di San Luca – la singolare rassegna degli autoritratti e ritratti degli Accademici pittori, scultori e architetti, ma anche una scelta esemplare di disegni, dipinti, sculture, progetti architettonici degli allievi, in cui si riflette l’originaria missione didattica dell’istituzione – la Sala dei Paesaggi intende testimoniare un'altra vocazione dell’Accademia: quella collezionistica, che si sviluppa sin dagli anni della fondazione e si esplica con due modalità. La prima è rappresentata dai cosiddetti “doni d’ingresso”, che l’istituzione richiede ad ogni artista al momento della cooptazione nel corpo accademico. Si tratta di volta in volta di un’opera ritenuta emblematica dall’autore e in quanto tale sottoposta al vaglio critico dei colleghi, ma anche al giudizio della storia: un indicatore prezioso della cultura e del gusto, individuale e contestuale. Ma il costituirsi nel tempo di un patrimonio artistico imponente per quantità e qualità è il risultato anche di donazioni e lasciti all’Accademia che si vanno moltiplicando soprattutto a partire dal XVIII secolo, da parte di artisti, collezionisti, amatori. È il caso del cospicuo lascito testamentario di un eccentrico personaggio della Roma di primo Settecento, Fabio Rosa, grazie a cui oltre duecento dipinti – in parte successivamente dispersi – furono acquisiti alle raccolte accademiche nel 1753.
La Sala dei Paesaggi, oltre ad alcuni “doni d’ingresso” di notevole significato come quelli di Pietro Francesco Garolli (1682), di Giovanni Paolo Pannini nel 1719 o di John Parker (1756), accoglie ben 25 opere del lascito Rosa, accomunate dall’eccellenza qualitativa e dall’appartenenza a un genere pittorico – il “paesaggio” appunto – estraneo alla tradizione accademica e viceversa al centro delle preferenze collezionistiche generate dal fenomeno del Grand Tour. Le ragioni d’interesse della sorprendente selezione operata da Fabio Rosa sono molteplici. Un vero e proprio tracciato storico si può cogliere dai primi esempi del classicismo seicentesco di Gaspard Dughet o della poetica preromantica di Salvator Rosa fino al tipico vedutismo del nuovo secolo. La ricognizione del collezionista non ha trascurato nessuna delle accezioni in cui la ricerca sul “paesaggio” romano e laziale è stata declinata tra Seicento e Settecento. A confermarlo si possono citare, proprio perché agli antipodi, i due celebri “capricci” di Giovanni Paolo Pannini, L’Archeologo, datato 1749 e il pendant, in cui brevi episodi narrativi sono bizzarramente ambientati in un contesto di citazioni antiquarie e, d’altro lato, la coppia non meno celebre di tele di Gaspar van Wittel, esempi di un’esattezza rigorosamente topografica nella resa della realtà urbana colta nella sua verità di ogni giorno. Tra gli artisti nordici attirati a Roma dalla certezza di un mercato internazionale, il pittore belga Jan Frans Van Bloemen, presente con ben undici tele, di cui otto esposte. Erede del classicismo di Claude Lorrain e Gaspar Dughet, per tutta la prima metà del Settecento egli celebra l’armonia della campagna romana, che grazie alla sua personale cifra stilistica torna ad essere il luogo della storia attraverso l’epifania dei monumenti antichi, ma insieme il luogo del mito e dell’Arcadia.
Infine un volume di incisioni delle Antichità romane, prezioso “dono d’ingresso” nel 1761 di Giovanni Battista Piranesi, insieme al suo ritratto scolpito per l’occasione da Nollekens, ne evoca il ruolo cruciale nella diffusione dell’immagine di Roma, tra acribia filologica e interpretazione visionaria delle rovine.
 
 
Link interni

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.