Mappa del Sito
News dall'accademia
13/ott/2014

Presentazione dei Restauri

"Venere e Amore" del Guercino
"La Fortuna" di Guido Reni
 

a cura di
Laura Cibrario e Fabiola Jatta
(Conservazione e Restauro)
 
realizzati grazie ad una erogazione liberale della
Banca Fideuram
 
 
introduce e coordina
Francesco Moschini
Partecipano
Pio Baldi, Evelina Borea, Luigi Ficacci, Salvatore Maccarone
Interverranno le Restauratrici

lunedì 13 ottobre 2014 | ore 17.30

Il presente restauro, realizzato grazie a un’erogazione liberale della Banca Fideuram, ha riguardato due dipinti dell’Accademia Nazionale di San Luca, opere di due tra i più grandi artefici della pittura emiliana del Seicento, “Venere e Amore” del Guercino e “La Fortuna con la corona in mano” di Guido Reni. Oggi queste opere, grazie al complesso intervento conservativo, durato otto mesi, sono nuovamente esposte al terzo piano di Palazzo Carpegna, in una sala denominata “Gabinetto Riservato”, in ricordo della loro antica collocazione comune.

Il dipinto di Guercino, strappato alla fine del '700 da Villa Aldovrandi (in prossimità di Cento), dopo un breve passaggio nel palazzo bolognese della famiglia, giunse attorno al 1823 a Roma, mentre il dipinto di Guido Reni, probabilmente realizzato per il prelato Jacopo Altoviti, passò presto in collezione Sacchetti, dove rimase fino al 1748. I due dipinti hanno poi una storia comune: giungono insieme nelle collezioni dell’Accademia di San Luca, nel 1836, provenendo entrambi da un camerino riservato, realizzato nei depositi della Pinacoteca Capitolina, dove nel 1824 erano stati portati perché “poco decenti di vedersi pubblicamente” per volontà dell’allora Papa Leone XII.

L’intervento di restauro, realizzato dalle restauratrici Laura Cibrario e Fabiola Jatta, è stato preceduto da una approfondita campagna di indagini diagnostiche (Artelab, Diagnostica Beni Culturali di Spoleto e M.I.D.A. di Claudio Falcucci), che hanno consentito di approfondire le conoscenze sulla tecnica di esecuzione e lo stato di conservazione.

 

Sebbene si tratti di due opere tecnicamente molto diverse, un affresco strappato e riportato su tela quello del Guercino e un dipinto ad olio su tela quello del Reni, i due dipinti hanno molte cose in comune: entrambi sono stati realizzati attorno al terzo decennio del XVII secolo, da pittori emiliani formatisi in ambiente carraccesco, tutti e due influenzati dalla fervente attività pittorica romana di quegli anni. Infine entrambe le opere hanno per soggetto una divinità femminile e un Amorino.

Tra i due artisti vi fu certamente stima, ma anche rivalità, come riporta il Malvasia: Reni idealizza il modello, frutto esclusivo della sua mente, mentre per Guercino il modello deve corrispondere ad una persona fisica. Questa differenza sostanziale che si percepisce nelle opere dei due artisti, le une dalle forme classiciste, idealizzate e dai colori più freddi e sfumati, le altre più naturalistiche e realizzate per macchie di colore intenso e corposo, sono perfettamente rappresentate nei due esempi conservati nella Galleria dell’Accademia Nazionale di San Luca, oggi tornati al loro antico splendore grazie all’intervento di restauro appena terminato.

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.