Mappa del Sito
News dall'accademia
11/mar/2015

Presentazione dei volumi "Magistra Latinitas" e "Iussu Desiderii"

Ginevra Bentivoglio EditoriA

 
 
mercoledì 11 marzo 2015 | 17.30
 
introduce e coordina
Francesco Moschini
Intervengono
Vittorio Franchetti Pardo, Francesco Gandolfo
 
Saranno presenti gli Autori
 
Parteciperà incoltre
Tommaso Breccia Fratadocchi
su "Montecassino oggi (1944-1964)"

Il volume Iussu Desiderii di Giovanni Carbonara, uscito per la prima volta alla fine degli anni Settanta, torna in una nuova veste editoriale con l’importante aggiunta di un capitolo riguardante la chiesa di San Michele Arcangelo a Sant’Angelo in Formis (Capua). Più in generale, il volume individua nell’abbaziale di Montecassino (realizzata dall’abate Desiderio fra il 1066 e il 1071) il modello – “antico e nuovo” allo stesso tempo – di una serie di esperienze significative nel panorama dell’edilizia religiosa, da Roma fino alla Sicilia, fra il XII e il XIII secolo.

Se l’architettura religiosa campana fra i secoli XI e XII è quindi generalmente considerata come derivazione del ‘modello’ rappresentato dalla maestosa basilica di Montecassino, l’indagine effettuata da Marta Acierno, nel volume Magistra Latinitas, è in grado di aprire la riflessione su nuove possibilità di lettura: i costruttori delle chiese campane e basso-laziali mostrano di aver reinterpretato e tradotto le suggestioni desideriane in una lingua nuova, diversa, per loro pienamente comprensibile. L’autrice ha indagato il tema dal punto di vista espressamente architettonico (in questo discostandosi dai precedenti studi), con l’ausilio d’una lettura diretta delle fabbriche e con un’attenzione rivolta, soprattutto, alla comprensione delle loro caratteristiche geometriche, costruttive e tipologiche, ma sempre accompagnata da approfondimenti conoscitivi riguardanti il contesto storico-politico e artistico del territorio. La fitta trama d’influenze culturali che lo attraversa appare, infatti, ben riflessa nella produzione architettonica del tempo.

 

L’EDITORE - La GBE / Ginevra Bentivoglio EditoriA è una casa editrice con sede in Roma, specializzata nel campo della Storia dell’Arte, dell’Architettura e della saggistica storica e storico-artistica, che lavora contando su un gruppo di giovani uniti dal sogno di fare dello studio della Storia (e delle sue manifestazioni artistiche e culturali) uno strumento di più profonda comprensione del tempo presente e di consapevole costruzione del futuro.

Per maggiori informazioni: GBE / Ginevra Bentivoglio EditoriA - Vicolo Savelli, 9 - Roma - 06/6868110 - www@gbeditoria.it

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.