Mappa del Sito
News dall'accademia
07/apr/2015

ARA PACIS
Conferenza di Francesco Moschini

Luogo: Auditorium dell'Ara Pacis, Via di Ripetta 190

Storia e storie. L’EUR dal progetto iniziale alle Olimpiadi

Incontro di approfondimento nell'ambito dell'iniziativa "Intorno alla Città Bianca"

 

martedì 7 aprile 2015 | ore 18.00

Dal fascismo agli anni ’60 l’EUR, quartiere estremamente importante della città, fonte di ispirazione per cineasti, fotografi, artisti, set di molte pubblicità, ha ispirato nel 1946 anche un giovane drammaturgo, Luigi Squarzina, poi illustre regista e direttore fra i più importanti del Teatro di Roma, che vi ha ambientato un suo dramma:L’esposizione universale.

In quelli che erano i monumentali scheletri delle grandi costruzioni razionaliste ha immaginato potesse trovare rifugio un popolo, quello dei senza tetto. A questo gruppo un altro se ne affianca, quello dei ricostruttori, di chi spingeva, per vie ufficiali ma anche per strade parallele, alla ripresa dei lavori nel cantiere in vista del Giubileo del ’50 e fiutando il boom economico.
Opera di fantasia sicuramente ma anche di grande impegno sociale e politico nell’analisi della frattura mai sanata fra fascismo e antifascismo, ma anche grande operazione  sull’etica di un popolo uscito piegato dalla guerra ma con grandi ambizioni e volontà di riscatto.
Il testo inedito in Italia con un cast di 19 attori verrà presentato dal 4 al 14 giugno in una produzione del Teatro di Roma. Nella produzione saranno coinvolti ex allievi di Centro Sperimentale di Cinematografia e dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico affiancati da attori come Luciano Virgilio e Stefano Santospago.
La contemporanea presenza della mostra “Esposizione Universale Romana” all’Ara Pacis  ci ha suggerito di ampliare l’offerta di conoscenza di quel periodo storico e di quel quartiere di Roma attraverso una serie di incontri con professionisti e storici dell’architettura del linguaggio e dell’arte.
Per questo in sinergia con il Teatro di Roma sono nati questi sei incontri di approfondimento destinati ai cittadini romani che vogliano conoscere meglio la storia di un quartiere e di un periodo storico così affascinante per la città.

 

visualizza video Nam

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.