Mappa del Sito
News dall'accademia
06/giu/2015

Giornata di studio su Pietro Berrettini

Omaggio ad un genio cortonese

 

sabato 6 giugno 2015 | ore 10.00

Cortona, Palazzo Casali
Piazza Signorelli, 9
 

 
Sabato 6 giugno 2015, nella Sala Medicea di Palazzo Casali, Cortona ospiterà  una  Giornata di studio su Pietro Berrettini, intitolata  “Omaggio ad un genio cortonese”.
L’iniziativa (promossa dal Comune di Cortona, dal MAEC, dall’Accademia Etrusca e dalla Fondazione Settembrini) si propone di offrire  una lettura inconsueta  della versatile creatività del Berrettini, concentrando l’attenzione  sugli  aspetti più innovativi  della sua opera, come verrà  illustrato da Francesco Moschini, coordinatore dei lavori, nella presentazione della Giornata.
Scorreranno così, susseguendosi nelle  diverse relazioni, racconti ed  immagini - alcune delle quali inedite o realizzate appositamente per  l’evento - della storia   sorprendentemente moderna del Berrettini. Un artista straordinario, collezionista, studioso e restauratore  dell’antico, ideatore di una tecnica pittorica personalissima (Claudio Strinati), progettista innovatore di edifici e giardini (Alessandro Barbagallo), dominatore dello spazio nella Galleria di Alessandro VII al Quirinale (Francesco Colalucci),  Princeps accademico, fondatore di una “bottega di giovani” che darà poi luogo alla Scuola dei Cortoneschi (Fabrizio Lemme), utilizzatore attento delle più complesse lavorazioni degli argentieri romani (Claudio Franchi), incomparabile  maestro di prospettive nell’illusione dell’infinito (Marcello Fagiolo), grande architetto ed artefice orgoglioso della sua “diletta figlia” ed  erede universale,  la chiesa dei santi Luca e Martina (Paolo Portoghesi).
 
 
La felice coincidenza, di  temi e di  tempi, con la grandiosa  mostra sul barocco romano, in pieno svolgimento a Palazzo Cipolla, rende ancora più attuale e significativo questo momento di  omaggio che la  città natale ha voluto dedicare a Pietro da  Cortona.
 

Programma

Ore 10.00   Saluti di benvenuto.
 
- Francesco Moschini: Introduzione alla giornata e presentazione delle relazioni
- Mons. Giuseppe Sciacca: “Pietro Berrettini, artista ed uomo di fede.”
- Sandro Barbagallo: “ Le ville pontificie ed i loro giardini.”
- Francesco Colalucci: “La Galleria di Alessandro VII al Quirinale”.
- Claudio Strinati: Il metodo di lavoro di Pietro da Cortona – L’invenzione di una nuova tecnica pittorica .”
 
Ore 13:00  Pausa Buffet
Ore 14:30 Ripresa dei lavori
 
- Fabrizio Lemme: “ La scuola dei cortoneschi.”
- Claudio Franchi: Gli argenti del Conservatorio di Sant’Eufemia.”
- Marcello Fagiolo: L’illusione dell’infinito
- Paolo Portoghesi: Pietro da Cortona architetto”.
 
Conclusioni – prospettive ed auspici.
Francesco Moschini, Francesco Colalucci, Claudio Strinati, Marcello Fagiolo, Paolo Portoghesi
 
 

 
Comune di Cortona: tel. 0575 637226
P.zza Signorelli 9, Cortona, tel 0575  6372359
info@cortonamaec.org

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.