Mappa del Sito
News dall'accademia
15/nov/2017 - 15/nov/2017

Lectio Magistralis
Storia e conservazione dei monumenti. Le grandi cupole dell'architettura

Mercoledì 15 novembre 2017 alle ore 18 presso Palazzo Carpegna, sede dell’Accademia Nazionale di San Luca, si terrà la Lectio Magistralis “Storia e conservazione dei monumenti. Le grandi cupole dell'architettura - Pantheon - Santa Sofia – Santa Maria del Fiore - S. Pietrodi Giorgio Croci. Introduce Francesco Moschini, presentano Pio Baldi e Giovanni Carbonara.

 

La storia e l’evoluzione delle tecniche e tecnologie usate nella costruzione dei monumenti del passato è ricca di insegnamenti dal punto di vista architettonico e strutturale, spesso intrecciati tra loro. La prima grande svolta nel comportamento delle strutture avviene con la scoperta dell’arco e, come naturale estensione nello spazio, delle cupole. Il principio è molto semplice: associando una struttura curva ad un supporto in grado di bloccare l’imposta della struttura stessa, si generano sforzi di compressione capaci di annullare gli sforzi di trazione. Nelle strutture murarie, che non resistono a tensioni di trazione, questo comportamento ha consentito lo sviluppo di nuove forme con conseguenze inimmaginabili, aprendo un ventaglio di scelte e soluzioni che si concretizzano in relazione alle conoscenze scientifiche, ai materiali, alle tecnologie che caratterizzano le diverse epoche.

Per comprendere questo sviluppo seguiremo un filo conduttore che comprende le quattro maggiori cupole del passato:  il Pantheon, Santa Sofia, Santa Maria del Fiore fino a giungere alla cupola di San Pietro, che rappresenta l’apice di questa evoluzione. Il Millennium Dome, costruito a Londra, nella penisola di Greenwich per celebrare il Millennio, con le sue spropositate dimensioni (diametro di 365 metri) è l’ultimo segnale che ci arriva dal ventesimo secolo.

            

 

La presentazione è completata dall’esposizione dei lavori nella Basilica di San Francesco di Assisi e nella Torre di Pisa che hanno rappresentato un momento importante nell’evoluzione delle tecniche e tecnologie e, più in genere, di un nuovo approccio alla conservazione e restauro.

  

 

Il Prof. Ing. Giorgio Croci è nato a Roma il 19 Marzo 1936. In qualità di docente universitario ha contribuito allo sviluppo di teorie e analisi innovative per la diagnostica e la salvaguardia dei monumenti. Alle attività di studio e ricerca ha sempre corrisposto una intensa attività professionale. Tra i suoi più significativi progetti si segnalano la Basilica di San Francesco di Assisi (interventi di restauro e consolidamento dopo i gravi dissesti e parziali crolli dovuti al terremoto del 1997), la Torre di Pisa (progettazione degli interventi per la stabilizzazione della Torre), il Colosseo (studi e ricerche relativi al comportamento sismico), il Palatino (studio preventivo dello stato di conservazione con individuazione delle varie situazioni di pericolo), il Complesso del TopKapi ad Istanbul (progetto degli interventi di restauro e protezione sismica), Tempio di Konarack in India (progetto di rinforzo strutturale). Diversi sono stati i premi a lui riconosciuti, tra cui la “Medaglia d’Oro ai Benemeriti della Scuola, della Cultura e dell’Arte”, conferita dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.
 

 

 

                                                                                         visualizza i video Nam

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.