Mappa del Sito
News dall'accademia
15/dic/2017 - 15/dic/2017

Presentazione dell'edizione critica del
DE PROSPECTIVA PINGENDI
di Piero della Francesca

Venerdì 15 dicembre 2017 alle ore 17: 00 presso Palazzo Carpegna, sede dell’Accademia Nazionale di San Luca, sarà presentata l’edizione critica dell’opera DE PROSPECTIVA PINGENDI di PIERO DELLA FRANCESCA, nell’originale volgare e nella versione latina, terzo volume in sei tomi dell’Edizione nazionale degli Scritti di Piero della Francesca, edito dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 2017.

Coordinati da Francesco Moschini, ne parleranno Carlo Bertelli, Accademico di San Luca e illustre studioso dell’artista rinascimentale, Lucia Bertolini, docente di Filologia della Letteratura italiana e membro della Commissione scientifica per l’Edizione nazionale delle Opere di Leon Battista Alberti, Francesco Paolo Fiore, Accademico di San Luca e storico dell’Architettura e della Trattatistica architettonica del Rinascimento. Saranno presenti anche i componenti della Commissione scientifica Marisa Dalai Emiliani (Presidente) e Carlo Maccagni, con Franca Ela Consolino, referente scientifica per l’edizione critica del testo latino e Riccardo Migliari, referente scientifico per l’edizione critica dei disegni, insieme ai Curatori.

Come è noto, il De prospectiva pingendi è il più importante dei trattati del sommo pittore del Rinascimento italiano Piero della Francesca (Sansepolcro 1410 ca - 1492), autore anche del Libellus de quinque corporibus regularibus (Edizione nazionale degli Scritti di Piero della Francesca I, Firenze 1995) e del Trattato d’Abaco (Edizione nazionale degli Scritti di Piero della Francesca II, Roma 2012). L’opera riveste un ruolo cruciale per la storia della rappresentazione artistica e dell’illustrazione scientifica nella cultura occidentale moderna, perché contiene la prima trattazione sistematica, in tre libri, della prospettiva come strumento di costruzione sul piano bidimensionale (sia esso la superficie del foglio, la tavola, la tela o la parete da dipingere) dei corpi tridimensionali nello spazio.  Il trattato ha un’altra peculiarità: è il primo testo di prospettiva interamente illustrato con disegni di mano dell’artista, del quale non ci è giunto viceversa alcun altro disegno di sicura attribuzione.

Hanno atteso alla presente edizione storici dell’arte, della scienza e della lingua, filologi del volgare e del latino, esperti di prospettiva e di geometria descrittiva (una équipe multidisciplinare di 14 studiosi).  La pubblicazione si compone di due serie, ciascuna delle quali formata da tre tomi: tomo I, con l’edizione critica del testo; tomo II, con l’edizione critica dei disegni; tomo III, con la riproduzione anastatica in un caso del codice 1576 della Biblioteca Palatina di Parma, recante la redazione volgare del trattato, nell’altro del codice 616 della Bibliothèque Municipale di Bordeaux, contenente  il testo della redazione latina. Il riconoscimento dell’autografia delle figure in due dei manoscritti volgari e in due dei latini del De prospectiva pingendi, in continuità con i corredi illustrativi autografi del Libellus, del Trattato d’abaco e della trascrizione delle opere di Archimede eseguita dall’artista (codice Riccardiano 106, Firenze) consente di restituire a Piero della Francesca il magistero del disegno, non solo geometrico, testimoniato ora complessivamente da 636 disegni riconosciuti come autografi.

 

 

                         

                                                                                     visualizza i video Nam 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.