Mappa del Sito
News dall'accademia
23/mag/2018 - 23/mag/2018

Incontro con
CAROL GOODDEN

 

L’Accademia Nazionale di San Luca è lieta di incontrare l’artista americana Carol Goodden in occasione della mostra “Unfake Connections - Carol Godden/Trisha Brown/Gordon Matta-Clark” a cura di Harold Berg e Massimiliano Scuderi, realizzata in collaborazione con ACS Abruzzo circuito spettacolo e il gruppo e-Motion dell’Aquila, che sarà inaugurata il 26 maggio 2018 presso la Fondazione Zimei di Pescara, e che presenterà fotografie, video, disegni e progetti, insieme a una sezione nutrita di oggetti e documenti, tutti provenienti dalla collezione americana di Harold Berg e Pedro Ruiz Cacho.

 

New York negli anni sessanta/settanta è stata l’incubatrice di movimenti e linguaggi artistici d’avanguardia come la Pop Art, la Minimal e la Conceptual Art. In questo contesto Carol Goodden, moglie di Gordon Matta Clark, fotografa, performer, interprete delle coreografie del Trisha Brown dance company di New York, ha svolto un ruolo fondamentale. Fondatrice di FOOD (opera d’arte sociale condivisa) insieme a Tina Girouard e al marito, diviene membro del gruppo Anarchitecture insieme ad artisti quali Suzanne Harris, Jene Highstein, Laurie Anderson, Richard Nonas, Bernard Kirschenbaun, Richard Landry.

FOOD è stato definito un "punto di riferimento nella storia e nella mitologia di SoHo negli anni '70".

Afferma Carol Goodden in un’intervista rilasciata ad "Arte e Critica":

 

FOOD era una  “scultura vivente”, come un alveare in cui le api arrivano con il loro polline (la loro idea) e lo met­tono in un cubicolo (un alveare, una scatola) per poi essere trasformato e diventare cibo per gli altri; quindi l’intero alveare, la struttura sociale, tutto insieme è una scultura naturale vivente. Insomma un' ART colony con le persone che andavano in giro con pezzi di cibo tra le mani, trasformandolo, consu­mandolo, e l’effetto di ciò e la sua energia sarebbero venuti fuori in modo brillante dalla mente di qualche artista.

Per Gordon FOOD era un “pezzo d’arte”, un’idea che lui, nella sua breve vita (morì a soli 35 anni per un cancro), non era stato in grado di esprimere a parole.  Le sue fotografie fritte, i suoi pen­toloni di pesce stufato (sono sicura avrebbe preferito che avessimo potuto tutti saltare dentro quegli stessi pentoloni), i suoi pezzi di agar in cui gettava i suoi san­dwich mangiati a metà per poi guardarli trasformarsi in forme strane… erano tutte sculture “viventi”. FOOD non era solo un luogo in cui mangiare, era un luogo per pensare. Un luogo in cui incontrarsi, discu­tere idee, fare coreografie, scrivere, creare o osservare suoni (alcuni lavapiatti nel retro di FOOD, che faceva­no parte del Philip Glass Ensemble, registrarono i suoni delle stoviglie mentre venivano lavate). 

Per esempio alcune ossa di animale nelle mani di Gordon Matta-Clark sono diventate “The Bone Dinner”: sono state passate al lavapiatti, poi al gioielliere (il braccio destro di Rauschenberg, Hisachika Takahashi) che le ha infilate in una collana di corda di canapa in modo che il mecenate avesse la possibilità di indossare la sua cena a casa. Una tra­sformazione costante.

 

 

Harold Berg, collezionista ed economista, membro del comitato fotografia del Whitney Museum di New York, nonché collaboratore della Tate di Londra e del Macba di Barcellona. Recentemente è stato nominato membro del comitato dello Swab, la fiera d'arte contemporanea di Barcellona. 

 

Massimiliano Scuderi, architetto, critico e curatore, ha collaborato con molti artisti e architetti tra i quali Vito Acconci, Hans Schabus, Peter Fend, Luca Vitone, Atelier Bow-wow, Philippe Rahm, Alfredo Pirri, Zafos Xagoraris, Noritoshi Hirakawa tra gli altri. Autore di saggi e libri, dal 2015 è direttore artistico della Fondazione Zimei di Pescara.

 

 

 

                                                                                        visualizza i video Nam 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.