Mappa del Sito
News dall'accademia
30/nov/2018 - 30/nov/2018

“Incontro con Peter Handke”

 In occasione della pubblicazione del volume La terra sonora. Il teatro di Peter Handke, a cura di Francesco Fiornetino, Camilla Miglio, Valentina Valentini (Istituto Italiano di Studi Germanici)

 

 

Venerdì 30 novembre 2018, dalle ore 17.30, presso l’Accademia Nazionale di San Luca si terrà “Incontro con Peter Handke, evento pensato in occasione della pubblicazione del volume La terra Sonora. Il teatro di Peter Handke, a cura di Francesco Fiorentino, Camilla Miglio e  Valentina Valentini.

 

Provocatorio e, insieme sobrio, sofisticato eppure immediatamente comprensibile era il teatro del giovane Handke. Avvolgenti e intensamente poetici, talvolta arrabbiati eppure capaci di abbandonarsi a rigogliosi giochi di metafore sono invece i testi successivi. Sono testi spesso lontanissimi dalla struttura drammatiche della tradizione, testi splendidamente intrattabili, che forse proprio per questo non smettono di affascinare. Lo mostra l’entusiasmo con cui, qualche tempo fa, attori e registi insieme a studenti e privati cittadini di quartieri romani come il Quarticciolo hanno realizzato messe in scena e mise en espace, letture e laboratori nell’ambito del progetto La terra sonora. Il teatro di Peter Handke, curato da Valentina Valentini e Francesco Fiorentino. L’uscita del volume omonimo che documenta quell’avventura è l’occasione per continuare a confrontarsi con il teatro di Handke.

Nel corso dell’incontro che si svolgerà nella splendida cornice dell’Accademia di San Luca verranno proiettati filmati della storica messa in scena di Publikumsbeschimpfung (Insulti al pubblico) al Theater am Turm di Francoforte nel luglio del 1966. Già in quel testo, con il quale il ventiquattrenne Handke di impone prepotentemente sulla scena teatrale europea, la parola tende a eludere i significati per diventare ritmo, suono, evocazione musicale, ritmo che si trasforma in emozione e porta la comunicazione su altri piani, corporei, emotivi, quasi fisiologici. È quanto avviene anche nel Blues della metropolitana, lungo monologo per voce arrabbiata, inesausta invettiva di un «uomo selvaggio», la cui voce diventa uno strumento musicale impegnato in un estenuante assolo che porta il linguaggio ai suoi limiti estremi. Per lo spettatore è un’esperienza acustica immersiva, che ci verrà ricordata da Veronica Cruciani, che ha curato la messa in scena prodotta da RadioTre, di cui nel corso dell’incontro verranno proposti e commentati ampi brani.

Oltre a Cruciani e ai curatori del progetto La terra sonora, parteciperanno all’incontro anche il critico teatrale Attilio Scarpellini e Federica Santoro, che racconterà la sua esperienza di messa in scena di Warum eine Küche? (Perché una cucina?): anche questo un testo dalla forte connotazione musicale, fatto di frammenti di racconti, dialoghi, canzoni, litanie, ritornelli, balbettii, preghiere che sembrano risvegliare cose sopite. Non a caso Santoro ha lavorato con due musicisti e performer, il violoncellista Luca Tilli e Dario Salvagnini, artista visivo e musicista elettronico. Saremo trasportati nella musica di Handke, certe volte selvaggia, certe volte dolce e persino silenziosa.

L’esperienza del RedReading#7QUANDO IL BAMBINO ERA BAMBINO, realizzato dalla compagnia Bartolini/Baronio, verrà ripercorsa da Tamara Bartolini. Alcuni materiali fotografici, video e audio mostreranno il processo artistico che ha portato alla costruzione del RedReading, rievocheranno le opere di Handke che sono state attraversate, quelle hanno risuonato in un percorso drammaturgico e musicale realizzato insieme ai musicisti Michele Baronio, Renato Ciunfrini e Sebastiano Forte. Vedremo quali paesaggi hanno scandito lo spettacolo, fino alla creazione di un canto a partire da alcuni versi della poesia Elogio dell'infanzia affidato ad un gruppo di bambini.

 

 

 

 

 

       Programma

 

17.30  

Proiezione di brani del filmato della prima di Publikumsbeschimpfung

         (Insulti al pubblico) di Peter Handke, regia di Claus Peymann

         8 luglio 1966, Theater am Turm, Francoforte sul Meno

 

18.00 

Saluti - Gianni Dessì, Francesco Moschini, Roberta Ascarelli

 

 Introducono e coordinano

          Valentina Valentini e Francesco Fiorentino

 

18.15  

      Proiezione di brani da Il Blues della metropolitana di Peter Handke

con Maurizio Donadoni

drammaturgia sonora di Riccardo Fazi /Muta Imago 

regia Veronica  Cruciani

Prodotto da RadioTre  e presentato da Veronica Cruciani



      Seguono gli interventi di Tamara BartoliniFederica Santoro

      Attilio Scarpellini e la discussione


 

 

 

 


 

 

 

 

                                                                                     

                                                                                   

                                                                                    

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.