Mappa del Sito
News dall'accademia
16/mag/2019 - 16/mag/2019

Giornata di conferenze
Michelangelo e Vittoria Colonna. Amicizia, arte, poesia, spiritualità dall’assedio di Firenze all’apertura del Concilio di Trento

 

Villa Finaly - Universités de Paris a Firenze, organizza il giovedì 16 maggio 2019 la giornata di conferenzae “Michelangelo e Vittoria Colonna. Amicizia, arte, poesia, spiritualità dall’assedio di Firenze all’apertura del Concilio di Trento”.

 

Programma

Moderatori:

Francesco Moschini, Segretario Generale dell’Accademia Nazionale San Luca di Roma

Niccolo' Orsini de Marzo, Editore e Produttore, Edizioni Orsini de Marzo

 

09h30 Inizio della giornata

“Michelangelo e la Repubblica di Firenze”

Alessandro Cecchi, Direttore della Fondazione Casa Buonarroti

 

“Dopo l’assedio. Pontormo e Michelangelo a Firenze tra repubblica e principato”

Bruce Edelstein, Coordinatore dei Programmi di Laurea e di Ricerca Avanzata, New-York University Villa La Pietra

 

"Varchi, Vittoria Colonna e Michelangelo"

Salvatore Lo Re, Storico, Specialista di Storia della Cultura e della Storiografia Fiorentina del XVI secolo

 

11h30 Pausa-Caffè

 

"Lettere a un « singularissimo amico » : le epistole di Vittoria Colonna a Michelangelo"

Veronica Copello, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, Università di Pisa

 

"Un parto di molti bellissimi sonetti tutti religiosi e santi: la raccolta di Vittoria Colonna donata a Michelangelo tra Carlo Gualteruzzi, Francesco Della Torre e Pietro Bembo"

Tobia Raffaele Toscano, Professore di Letteratura Italiana, Università di Napoli

 

"L'artista, l'opera, l'anima. Sul dialogo poetico fra Michelangelo e Vittoria"

Antonio Corsaro, Professore di Letteratura Italiana, Università di Urbino

 

13h30 Pranzo

 

14h30

"Tre momenti di Michelangelo pittore in Vaticano"

Gianluigi Colalucci, Direttore di Conservazione e Restauro

Daniela Bartoletti, Conservo e Restauro Beni Culturali

 

“Riflessioni attorno a Cristo e la Samaritana"

Alessandro Rovetta, Professore di Museologia e Critica Artistica e del Restauro, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

 

"Obtorto collo. Riflessioni sulle vicende finali della tomba di Giulio II"

Grégoire Extermann, Ricercatore Post-Dottorato in Storia dell’Arte del Rinascimento e Barocca, Università di Ginevra

 

16h30 Pausa-Caffè

"Promesse incaute e memento furiosi. A margine dei rapporti di Michelangelo e Vittoria Colonna con Pietro Aretino"

Paolo Procaccioli, Professore di Letteratura Italiana e di Storia del Rinascimento, Università degli Studi di Tuscia - Viterbo

 

‘Per cose piccole de pittura non si può far meglio’: Marcello Venusti interprete dei disegni di Michelangelo”

Carol Plazzotta, Curatrice della Pittura Italiana, National Gallery, Londra

 

"Michelangelo e Vittoria Colonna: dipinti, non solo disegni"

Andrea Donati, Storico dell’Arte

 

19h00 Cocktail

 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.