Mappa del Sito
News dall'accademia
24/ott/2019 - 25/ott/2019

Giornate di Studi Internazionali
LEONARDO DA VINCI (1452-1519)
DAL LIBRO DI PITTURA AL TRATTATO

CIRCOLAZIONE, TRASMISSIONE, RICEZIONE DELLE IDEE E DEGLI SCRITTI VINCIANI TRA CINQUECENTO E SEICENTO

 

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica 

 

Ideazione e responsabilità scientifica:

Francesco Moschini, Vita Segreto 

Comitato scientifico:

Janis Bell, Francesco Cellini, Francesco Moschini, Vita Segreto, Carlo Vecce

 

Le Giornate di Studi Internazionali si propongono di portare all’attenzione degli studiosi di vari ambiti disciplinari e degli appassionati cultori di Leonardo gli studi e le ricerche concernenti la trasmissione delle idee e degli scritti vinciani, la loro circolazione e ricezione tra Cinquecento e Seicento, in Italia e in Europa. A pochi decenni dalla morte di Leonardo, il Libro di Pittura composto da Francesco Melzi ebbe, nella versione abbreviata del Trattato, ampia diffusione e fortuna tra gli artisti e i collezionisti vicini alle accademie del disegno, con profonde ripercussioni sulla coeva produzione teorica, operativa e didattica. I contributi in programma indagano aspetti biografici, linguistici, teoretici, grafici e collezionistici - inediti o poco noti - dell’articolato processo storico che dall’elaborazione di un gruppo di manoscritti autografi di Leonardo conduce alla stesura del codice vaticano Urbinate latino 1270 e da questo sia alle innumerevoli copie manoscritte, sia all’editio princeps del Trattato della Pittura di Lionardo da Vinci.

 

The aim of the Study Days is to focus the attention of international scholars working in a variety of fields, and of Leonardo experts and enthusiasts, on studies and research regarding the transmission of da Vinci’s ideas and writings and their circulation and reception in Italy and across Europe during the sixteenth and seventeenth centuries. In the abridged version known as the Treatise on Painting, the Libro di Pittura compiled by Francesco Melzi was widely circulated in the decades following Leonardo’s death. Avidly read by artists and collectors closely associated with the accademie del disegno, it profoundly influenced the theory, practice and teaching of the time. The speakers will examine previously unexplored or little-known aspects (biographical, linguistic, theoretical, graphic and collection-related) of the complex historical process via which Melzi’s re-elaboration of a group of Leonardo’s original manuscripts, and his subsequent compilation of the Codex Vaticanus Urbinas 1270, eventually led to the production of numerous manuscript copies and to the Italian editio princeps: the Trattato della Pittura di Lionardo da Vinci.

 

 

Programma

24 Ottobre 2019

 

9.30  | Saluti

Francesco Cellini

Accademia Nazionale di San Luca

 

Introduzione ai lavori

Francesco Moschini

Accademia Nazionale di San Luca

Vita Segreto

Accademia di Belle Arti, Roma

 

SESSIONE I | CIRCOLAZIONE

Chair  Francesca Fiorani

University of Virginia, Charlottesville

 

10.00 | Giulio Bora

Veneranda Biblioteca Ambrosiana, Milano

Leonardo, il Trattato, gli scritti: l’eredità lombarda e un’alterna fortuna

 

10.30 | Sabine Frommel

École Pratique des Hautes Études, PSL Université, Paris

La fortuna dei disegni architettonici di Leonardo nel primo Cinquecento

 

11.00 | Coffee break

 

11.30 | Furio Rinaldi

Department of Old Master Drawings, Christie’s, New York

Giovan Francesco Melzi, allievo ed erede di Leonardo

 

12.00 | Vita Segreto

Accademia di Belle Arti, Roma

Dei movimenti dell’uomo ovvero di Leonardo in Accademia

 

12.30 | Discussione

 

13.30 | Light lunch

 

--------------------------------------------------------

 

15.00  | Keynote lecture

Carlo Vecce

Università degli Studi ‘L’Orientale’, Napoli

Genesi del Libro di Pittura

                                  

SESSIONE II | TRASMISSIONE

Chair Anna Sconza

Université Sorbonne Nouvelle, Paris 3

             

15.45 | Rossana Sacchi

Università degli Studi, Milano                              

Il Vat. Lat. 1270 da Milano a Urbino. Fatti e ipotesi per la cessione

 

16.15 | Francesca Fiorani

University of Virginia, Charlottesville

Why the Doctored Libro di Pittura Transformed Leonardo da Vinci from Pittore Universale to Polymath

 

16.45 | Matthew Landrus

Wolfson College, University of Oxford

Il libro perduto di Leonardo, sulla pittura e sui movimenti umani

 

17.15 | Discussione

 

25 OTTOBRE 2019

 

SESSIONI III | RICEZIONE

Chair Carlo Vecce

Università degli Studi ‘L’Orientale’, Napoli

 

9.30  |  Salvatore Carannante

Scuola Normale Superiore di Pisa

Purus pictor, non medicus nec philosophus. Cardano e Leonardo

 

10.00 | Anna Sconza

Université Sorbonne Nouvelle, Paris 3

Lettori di Leonardo nella Firenze del tardo Cinquecento

 

10.30 | Janis Bell

Brown University, Providence

From Diagrams to Landscapes: the reception of chapters on aerial perspective

 

11.00 | Coffe break

 

11.30 | Barbara Tramelli

St Benet’s Hall, University of Oxford                   

Leonardo's Colors, Lomazzo's Colors

 

12.00 | Macarena Moralejo Ortega

Universidad de Granada

Leggere Leonardo da Vinci nel Cinquecento a Roma: La recezione del Trattato della Pittura nel corpus estetico di Federico Zuccari

 

12.30 | Discussion

 

 

 

 

 

Altri riferimenti

Leonardo Cinquecento

 

L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.