Mappa del Sito
News dall'accademia
24/mag/2019 - 24/mag/2019

Presentazione volume
François-Jacques DELANNOY
Voyage en Italie (mars 1780-décembre 1782)

 

Venerdì  24 maggio 2019 alle ore 17:30 presso Palazzo Carpegna, sede dell’Accademia Nazionale di San Luca, si terrà la presentazione del volume François-Jacques DELANNOY, Voyage en Italie (mars 1780-décembre 1782) a cura di Annie Jacques e Laura Vallet, introduzione di Alain Schnapp (Mémoires et Documents sur Rome et l’Italie Méridionale, n.s. 8, Napoli 2017, 3 vol. (vol. 1 et 2 testo, 946 p. - vol. 3 « études dessinées », 142 p.). Introdotti e coordinati da Francesco Moschini, Segretario Generale dell’Accademia Nazionale di San Luca, interverranno Gilles Bertrand, Claudia Conforti, Daniela del Pesco, e Annie Jacques.

François Jacques Delannoy (1755 -1835) proviene da un ambiente sociale estremamente modesto. Nato a Parigi in una famiglia di artigiani del quartiere popolare di Saint -Jacques de Boucherie, frequenta la scuola gratuita di disegno dove si  distingue per il suo talento. Ciò gli permette di accedere ai concorsi dell'Accademia Royale e di conquistare il Grand Prix nel 1779.

Il testo del suo diario in Italia rivela una curiosità e un desiderio di apprendere non appesantito, come d’uso all’epoca,  da scontati riferimenti letterari. Delannoy confessa con sincerità di non essere in grado di identificare tutte le pitture e sculture che osserva durante il suo viaggio verso Roma che ha come tappe Torino, Milano Bologna e Firenze. Durante l’estate 1780, appena giunto a palazzo Mancini, sede dell'accademia francese a Roma, nonostante il calore di una stagione particolarmente malsana, percorre senza sosta la città, desideroso di scoprire i monumenti più celebri dell’antichità.. Visita anche i dintorni di Roma, Tivoli, Frascati, Caprarola, tema del progetto che deve realizzare nell’ambito della borsa di studio del Grand Prix. Durante il suo soggiorno compie il tradizionale viaggio a Napoli e a Paestum. L’itinerario di ritorno verso Parigi passa per Venezia e Genova. Il diario è scritto da Delannoy giorno per giorno, e rende conto in modo preciso dello svolgimento delle tappe del viaggio e della vita quotidiana presso palazzo Mancini, giornate nelle quali si susseguono sedute di disegno, sopralluoghi, ricerche di documentazione nelle biblioteche, visite a collezioni private. Delannoy approfitta anche dei concerti, teatri, opere, feste di carnevale, ecc. Il testo descrive non solo  monumenti, opere e spettacoli, ma anche le condizioni pratiche del viaggio e delle escursioni: ostelli miserabili per risparmiare, mezzi di trasporto a buon mercato, buoni indirizzi scambiati con gli altri ospiti dell’accademia  o con amici casuali. Il testo è costituito da otto taccuini manoscritti, conservati a Parigi presso l’Institut de France  e da un “petit folio”, un fascicolo che comprende disegni. L’ortografia e la sintassi, piuttosto stravaganti e approssimativi, sono stati rispettati nella trascrizione. L’apparato critico stabilisce collegamenti con i testi dei viaggiatori più famosi come Goethe o il Marchese de Sade, presenti a Roma negli stessi anni di Delannoy. I disegni, integralmente riprodotti, corrispondono al lavoro sul campo, non cedono al gusto del pittoresco, sono analisi precise, dettagliate, misurate, che riguardano l’insieme dei siti e dei monumenti visitati, fornendo un’attendibile documentazione. A parte il Journal di Pierre Louis Moreau (1754-1757) non esiste altra testimonianza del soggiorno di un architetto residente presso l’Accademia di Francia a Roma, il che rende il testo del Delannoy ancora più prezioso.

 

 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.