Mappa del Sito
News dall'accademia
21/nov/2019 - 22/nov/2019

Convegno Internazionale di Studi
Alla corte della Cancelleria: Pietro Ottoboni e la politica delle arti nella Roma del Settecento

21 novembre 2019

THE BRITISH SCHOOL AT ROME

via Antonio Gramsci 61, 00197 Roma

 

22 novembre 2019

ACCADEMIA NAZIONALE DI SAN LUCA

piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma

 

Convegno internazionale di studi organizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica

dall’Accademia Nazionale di San Luca con il patrocinio di The British School at Rome.

 

Responsabili scientifici

Tommaso Manfredi

Karin Wolfe

 

Il convegno intende offrire una visione complessiva e interdisciplinare del mecenatismo artistico e culturale che il cardinale veneziano Pietro Ottoboni esercitò dalla corte da lui insediata nel Palazzo della Cancelleria a Roma, dove visse dal 1689, quando appena ventiduenne fu insignito della carica di vicecancelliere della Curia dal prozio papa Alessandro VIII, fino alla sua morte, nel 1740. Si porrà particolare attenzione al carattere e agli indirizzi che distinsero la politica delle arti di Ottoboni a scala europea. In questo contesto si approfondiranno i rapporti privilegiati che egli intrattenne con artisti, musicisti e letterati all’interno della sua corte romana, alla luce delle relazioni cosmopolite che coltivò con pontefici, sovrani e principi contemporanei.

 

Programma

 

Giovedì 21 novembre 2019

THE BRITISH SCHOOL AT ROME

 

17.30 Inaugurazione della mostra

The Stuarts in Rome and in the BSR Collections: 1719-1911

 

17.45 Saluti e presentazione

Stephen Milner The British School at Rome

 

18.00 The Stuarts in Rome: A Royal Court in the City of Cardinals

Edward Corp Université de Toulouse

 

 

Venerdì 22 novembre 2019

ACCADEMIA NAZIONALE DI SAN LUCA

 

9.30 Inaugurazione della mostra

Opere degli artisti ottoboniani nelle collezioni

dell’Accademia Nazionale di San Luca

 

9.45 Saluti e presentazione

Francesco Moschini Accademia Nazionale di San Luca

Sessione I Diplomazia dell’arte e diffusione del gusto

coordina Francesco Moschini Accademia Nazionale di San Luca

 

10.00 Pietro Ottoboni: vicecancelliere e mecenate delle arti e delle lettere

da Alessandro VIII a Clemente XII

Flavia Matitti Accademia di Belle Arti di Roma

 

10.30 Gli artisti del cardinale Ottoboni: Filippo Juvarra dalla Cancelleria

alle corti d’Europa

Tommaso Manfredi Università Mediterranea di Reggio Calabria

 

11.00 Francesco Trevisani: ‘Universal’ Painter at the Cancelleria

Karin Wolfe The British School at Rome

 

11.30 Sebastiano Conca alla corte ottoboniana: avvio di una carriera

internazionale tra Arcadia e Accademia

Mario Epifani MiBACT, Soprintendenza archeologia, belle arti e

paesaggio per la città metropolitana di Torino

 

12.00 Andrea Casali: dalla Cancelleria al mercato dell’arte britannico

Paolo Coen Università degli Studi di Teramo

 

12.30 Le cardinal Ottoboni et la diplomatie de l’art entre Rome, Venice et Paris

Valentine Toutain-Quittelier Université Paris-Sorbonne

13.00 Pausa

 

 

Sessione II Architetture e allestimenti

coordina Augusto Roca De Amicis Sapienza Università di Roma

 

14.30 Architetti e architetture del cardinale Ottoboni

Claudio Varagnoli Università degli Studi G. D’Annunzio, Chieti-Pescara

 

15.00 Il decoro della corte: Domenico Paradisi e il ciclo di falsi arazzi

per il Palazzo della Cancelleria

Francesco Petrucci Palazzo Chigi, Ariccia

 

15.30 Criteri di allestimento della collezione Ottoboni nel Palazzo

della Cancelleria: pittori antichi versus pittori moderni

Stefano Pierguidi Sapienza Università di Roma

 

16.00 Pausa

Sessione III Letteratura e drammaturgia musicale

coordina Marcello Fagiolo Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma

 

16.30 Crescimbeni, Gravina, Ottoboni e la letteratura teatrale

nella prima Arcadia romana

Enrico Zucchi Università degli Studi di Padova

 

17.00 Ottoboni, Opera and Arcadian Reform

Katrina Grant Australian National University

 

17.30 Nella cerchia di Pietro Ottoboni: poetica e drammaturgia

musicale nel primo Settecento romano

Nicola Badolato Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

 

18.00 Serenate e diplomazia internazionale alla corte ottoboniana

Teresa Chirico Conservatorio di Musica Santa Cecilia, Roma

 

19.00 Concerto

La Risonanza

Jorge Jimenez, Fabio Ravasi: violini

Caterina Dell’Agnello: violoncello

Fabio Bonizzoni: clavicembalo

A. Corelli - Triosonata Op 1 n 9 in sol maggiore

Allegro, Adagio, Allegro, Adagio, Allegro

A. Corelli - Triosonata Op 3 n 4 in si minore

Largo, Vivace, Adagio, Presto

F. Geminiani - Sonata per violoncello e basso continuo in la minore

Adagio, Allegro assai, Allegro

A. Caldara - Chiacona

A. Corelli - Follia

A. Corelli - Triosonata Op 3 n 12 la maggiore

Grave, Allegro, Allegro, Adagio, Vivace, Allegro, Allegro, Allegro

A. Corelli - Ciaccona

 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.