Mappa del Sito
News dall'accademia
13/nov/2019 - 13/nov/2019

Seminario internazionale
Giancarlo De Carlo at 100

 

a cura di

Antonello Alici, Matteo Cassani Simonetti e Filippo De Pieri

in occasione dell’uscita di Giancarlo De Carloat 100, n. 4 della rivista Histories of Postwar Architecture (hpa.unibo.it)

Comitato promotore: Francesco Moschini, Anna De Carlo; Angela Mioni, Alberto Ferlenga, Serena Maffioletti, Franco Mancuso, Lamberto Rossi, Margherita Guccione, Antonello Alici

Comitato scientifico: Francesco Moschini (Segretario Generale Accademia Nazionale di San Luca), Antonello Alici (Università Politecnica delle Marche), Carmen Andriani (Università di Genova), Federico Bilò (Università ‘G.D’Annunzio’ di Chieti-Pescara), Marco Biraghi (Politecnico di Milano), Marco Iuliano (University of Liverpool), Giovanni Leoni (Università di Bologna), John McKean (Brighton), Paolo Mellano (Politecnico di Torino), Marko Pogacnik (Università IUAV, Venezia), Lamberto Rossi (Lamberto Rossi associati, Milano), Andrea Sciascia (Università di Palermo). a cura di Antonello Alici, Matteo Cassani Simonetti e Filippo De Pieri in occasione dell’uscita di Giancarlo De Carloat 100, n. 4 della rivista Histories of Postwar Architecture (hpa.unibo.it)

 

Programma

10:00 – Saluti istituzionali

Francesco Cellini Presidente Accademia Nazionale di San Luca

Apertura dei lavori

Francesco Moschini Segretario generale Accademia Nazionale di San Luca

 

10:30 Main Lectures

Presiede: Antonello Alici Università Politecnica delle Marche

 

Giancarlo De Carlo: la teoria nella pratica – un punto di vista inglese

Benedict Zucchi, Principal, Building Design Partnership, London

 

Gi Politics and Ethics in the Educational Architecture of Giancarlo De Carlo

Adam Wood, University Collage London

 

Discussione

 

Pausa pranzo

 

14:30 Nuove ricerche

Presiede: Carmen Andriani Università di Genova

 

Il villaggio Matteotti e il Grande Numero

Alberto Franchini Archivio del Moderno, Università della Svizzera Italiana

 

Giancarlo De Carlo Designer. Objects, interiors, urban devices

Luigi Mandraccio, Stefano Passamonti, Francesco Testa Università di Genova

 

The International Laboratory of Architecture and Urban Design:

a research by design program

Nicolas Moucheront Iuav, Venezia / EHESS, Paris

 

Giancarlo De Carlo e Aldo van Eyck tra razionalità e contraddizione

Alberto Terminio Università di Napoli ʹFederico IIʹ

 

Il progetto urbano tra vocaioni geografiche e strategie urbanistiche.

Giancarlo De Carlo e il territorio di Urbino

Giuseppe Topputi Politecnico di Bari

 

Re-visiting Giancarlo De Carlo’s participatory design approach:

From the representation of designer sto the representation of users

Marianna Charitonidou ETH Zürich

 

Discussiants Adam Wood, Benedict Zucchi

 

17:00 Tavola rotonda e presentazione delle attività future di GDC 100

Comitato GDC 100: Antonello Alici, Carmen Andriani, Federico Bilò

Matteo Cassani Simonetti, Dario Costi, Giovanni Leoni, Fabio Mangone

Paolo Mellano, Carlo Nepi, Marko Pogačnik, Lamberto Rossi, Andrea Sciascia

 

Altri riferimenti

 

 

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.