Mappa del Sito
News dall'accademia
18/mag/2011 - 21/mag/2011

Archivi di Architettura del Novecento all'Accademia Nazionale di San Luca

 

mercoledì 18 maggio 2011, ore 17.30

Accademia Nazionale di San Luca
piazza dell’Accademia di San Luca 77, Roma

IL FONDO RIDOLFI-FRANKL-MALAGRICCI DELL’ACCADEMIA DI SAN LUCA:
DAI MATERIALI D’ARCHIVIO AL WEB

introduce e coordina: Francesco Moschini
intervengono: Andrea Aleardi, Paolo Portoghesi, Pio Baldi, Enrico Valeriani, Francesco Cellini, ClaudioD’Amato, Laura Bertolaccini

giovedì 19 maggio 2011, ore 18.00

MAXXI BASE
via Guido Reni 4a, Roma

IL FONDO RIDOLFI-FRANKL-MALAGRICCI DELL’ACCADEMIA DI SAN LUCA: CONSERVAZIONE E COMUNICAZIONE

partecipano: Margherita Guccione, Francesco Moschini, Esmeralda Valente, Laura Bertolaccini

sabato 21 maggio 2011, ore 10.00-20.00

Accademia Nazionale di San Luca
piazza dell’Accademia di San Luca 77, Roma

GLI ARCHIVI DEGLI ARCHITETTI DEL NOVECENTO ALL’ACCADEMIA DI SAN LUCA: CONSERVAZIONE, RICERCA, COMUNICAZIONE
Mostra di schizzi, disegni, fotografie e documenti dagli Archivi del Novecento dell’Accademia

 

In occasione della Prima Giornata Nazionale Archivi di Architettura promossa da AAA Italia, l’Accademia Nazionale di San Luca propone il 18 maggio 2011, in concomitanza con la pubblicazione del sito dedicato al Fondo dell’architetto Mario Ridolfi, un incontro tra coloro che negli anni hanno lavorato alla catalogazione e all’informatizzazione del materiale documentario che testimonia, pressoché compiutamente, la lunga attività professionale dell'architetto romano. Lo stesso giorno, a conclusione dell’incontro, nelle sale espositive dell’Accademia avrà luogo una preview della mostra “Gli Archivi degli Architetti del Novecento all’Accademia di San Luca: conservazione, ricerca, comunicazione”. Nell’esposizione sono raccolti schizzi, disegni, fotografie, parte della documentazione riguardante gli altri fondi di architetti del Novecento conservati all’Accademia e per i quali sono in corso operazioni d’informatizzazione volte alla realizzazione di siti internet. Il giorno 19 maggio 2011, il sito dedicato all’opera di Mario Ridolfi verrà presentato al MAXXI BASE in un incontro in cui sarà possibile, per gli studiosi e gli interessati, sperimentare direttamente su postazioni in sala le potenzialità e le specificità del sito. Infine, il 21 maggio 2011 – Prima Giornata Nazionale Archivi di Architettura la mostra “Gli Archivi degli Architetti del Novecento all’Accademia di San Luca: conservazione, ricerca, comunicazione” verrà ufficialmente aperta al pubblico nelle sale espositive dell’Accademia Nazionale di San Luca. Da Aschieri a Ridolfi, da De Renzi, a Luccichenti e a Sacripanti, l’Accademia Nazionale di San Luca espone materiali, disegni, documenti, fotografie di alcuni tra i Fondi di architettura contemporanea conservati nei suoi archivi per i quali ha già avviato operazioni di catalogazione e informatizzazione volte alla realizzazione di specifici siti internet.

 

IL FONDO RIDOLFI-FRANKL-MALAGRICCI:  CONSISTENZA, CATALOGAZIONE, INFORMATIZZAZIONE E COMUNICAZIONE

Il Fondo Ridolfi-Frankl-Malagricci conservato presso l'Accademia Nazionale di San Luca costituisce l'insieme documentario più completo dell'attività professionale dell'architetto romano svolta nell'arco di circa sessanta anni, dal 1923 al 1984, molti dei quali condivisi con Wolfgang (Volfango) Frankl e Domenico (Mimmo) Malagricci. Il Fondo, che comprende oltre 10.000 items tra disegni, documenti, fotografie, lastre e negativi fotografici a testimoniare la quasi totalità delle opere progettate e realizzate da Ridolfi, è stato dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio il 30 settembre 1995. Il Fondo si è andato costituendo dalla metà degli anni Settanta per volontà dello stesso Ridolfi, che fu Presidente dell'Accademia nel biennio 1977-1978 (per dettagli sulla donazione, formalizzata con atti del 1980 e del giugno 1984, si rimanda a: F. Cellini, C. D'Amato, Mario Ridolfi all'Accademia di San Luca, Roma 2003). Il primo nucleo pervenuto era formato da disegni di progetti eseguiti negli anni Cinquanta e Sessanta. Il trasferimento degli elaborati era stato curato da Enrico Valeriani con l'intento di realizzare in Accademia un "Archivio di Disegni di Architettura Contemporanea", secondo la definizione data al tempo. Dopo la mostra monografica organizzata a Terni nel 1979, arrivarono in Accademia i disegni afferenti al cosiddetto Ciclo delle Marmore, catalogati e analizzati da Francesco Cellini, Claudio D'Amato e dallo stesso Valeriani. Il terzo e più consistente nucleo fu invece portato  nel 1986 dallo studio di via Adige 48 dove Frankl e Malagricci si erano trasferiti nei primi anni Settanta, dopo il trasferimento di Ridolfi a Marmore. Allora una parte dei disegni, quelli contenuti nelle "cartelle dei particolari sempre buoni", venne portata da Malagricci nello studio di via Ippolito Nievo e quindi in via Luigi Cesi. Questo ultimo nucleo, formato da circa 850 disegni, è infine pervenuto in Accademia nel 2006. La prima operazione di catalogazione delle opere, dei disegni e dei documenti, condotta tra il 1979 e il 2002 da Cellini e D'Amato, inizialmente con Enrico Valeriani e, negli anni a seguire, con Carmen Andriani, Mario Avagnina, Laura Bertolaccini, Margherita Guccione, Claudio Lazzarini, Valerio Palmieri, ha portato alla elaborazione di un regesto cronologico formato da 190 opere, alla schedatura di 4375 disegni e di 1398 documenti, tra lettere di incarico, relazioni e carteggio con la committenza (i risultati di questa prima operazione di catalogazione sono pubblicati in  Cellini, D'Amato 2003). Nel 2005, nell'ambito delle iniziative promosse dal Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Mario Ridolfi presieduto da Paolo Portoghesi, sono quindi stati avviati nuovi studi che hanno portato a una completa riscrittura del regesto cronologico, ora composto da 201 opere. Le ricerche, oggetto di un volume in corso di stampa, sono state condotte, con il coordinamento di Giorgio Ciucci e Sergio Poretti, da Francesco Andreani, Laura Bertolaccini, Giuseppe Bonaccorso, Stefania Campo, Alessandra Capanna, Rinaldo Capomolla, Gianluca Capurso, Maristella Casciato, Francesca Romana Castelli, Claudio D’Amato, Patrizia Fermetti, Danilo Guerri, Tullia Iori, Wolfgang Jung, Cristiana Marcosano dell’Erba, Francesca Marsico, Stefania Mornati, Valerio Palmieri, Sergio Poretti, Francesca Rosa, Paola Ruotolo, Marida Talamona, Rosalia Vittorini. Sulla base di tali ricerche sono state redatte le schede delle opere che compaiono sul sito. Paralellamente, l'Accademia ha effettuato l'inventario e la catalogazione delle riproduzioni fotografiche, delle lastre in vetro e dei negativi fotografici (circa 4300 elementi) che, oltre a completare la documentazione sulle singole opere, per buona parte di quelle elaborate da Ridolfi prima del 1933 costituiscono le uniche tracce rimaste, essendo perlopiù andati dispersi i disegni originali. Il progetto di riproduzione in formato digitale dei disegni del Fondo è stato avviato nel 2006 in seguito a un finanziamento erogato all’Accademia Nazionale di San Luca dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione generale per l’Architettura e l’Arte Contemporanee (MBCA-DARC) per la valorizzazione del patrimonio degli archivi degli architetti del Novecento. La prima fase di informatizzazione, condotta da Giulio Malagricci con Fabrizio Latini, ha portato alla riproduzione di circa 2200 disegni afferenti a 51 opere. Una seconda fase, avviata nel 2009 e svolta con la collaborazione di Angelo Ferretti, ha visto il completamento delle riproduzioni per tutte le opere del nuovo regesto, per un totale di circa 800 elementi tra disegni, fotografie, lastre o negativi fotografici. Tale progetto di informatizzazione, volto alla valorizzazione e alla comunicazione dei contenuti del Fondo, si è quindi concluso con l'elaborazione di un sito internet interamente dedicato al Fondo.

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.