Mappa del Sito
News dall'accademia
18/ott/2011

Festa di San Luca

 

martedì 18 ottobre, 9.00-18.00

 

Martedì 18 ottobre 2011, l’Accademia Nazionale di San Luca inaugura l’anno accademico 2011-2012 celebrando la festa dedicata a san Luca. Nella giornata sono previste una serie di iniziative, simbolicamente avviate con la riapertura dell’ingresso sul giardino di Palazzo Carpegna, lungo via della Stamperia, espressione della volontà di una maggiore accessibilità e apertura al pubblico degli spazi e dei servizi dell’Accademia. Analogamente, anche la Chiesa dei Santi Luca e Martina ai Fori è visitabile per l’intera giornata con il prezioso ausilio di storici dell’arte.

 

Nelle sale della Galleria Accademica di Palazzo Carpegna sarà aperta la mostra Domenico Pellegrini 1759-1840. Ritratto di un pittore collezionista, esposizione che rende visibili alcune opere del lascito dell’artista all’Accademia di San Luca. Una collezione, quella di Pellegrini, ancora da indagare compiutamente, composta da pregiati dipinti di artisti italiani e stranieri, con tre ritratti rappresentanti l’artista stesso.

Una riflessione sulla perduta, e recentemente riscoperta, vocazione didattica dell’Accademia è stata posta al centro della mostra documentaria collocata nelle sale della Biblioteca Sarti al secondo piano della sede accademica. L’esposizione, intitolata L’Accademia di San Luca nel dibattito sull’Istruzione artistica dell’Italia unita (1860-1882). Note di archivio, ha inteso focalizzare l’attenzione sulla riforma delle Accademie di Belle Arti nell’Ottocento, vista come nuova urgenza nell’intricato contesto nazionale e internazionale degli anni subito dopo l’unità della penisola.

Dopo un recente e paziente restauro, a cura di Gabriella Caterini e Carola Tavazzi, sarà presentato al pubblico il rilievo in terracotta rappresentante Giuditta che, nella piazza di Betulia, mostra la recisa testa di Oloferne al popolo e agli Ottimati della città. Il rilievo, eseguito da Camillo Pacetti in occasione del Concorso Clementino del 1775, sarà esposto nella Sala Studio dell’Archivio Storico.

 

Nella stessa giornata sarà presentata, in una diversa collocazione e nuovo allestimento, la Collezione del Contemporaneo, recentemente arricchita da tre opere donate dagli Accademici Alik Cavaliere, Lorenzo Guerrini, Grazia Varisco, e dalla scultura di Pasquale Santoro, Premio Presidente della Repubblica 2010.

 

Infine grande attenzione si rivolge alla donazione all’Accademia di una nuova opera da parte del Maestro Pasquale Santoro, per l’occasione collocata nella riconfigurata prospettiva del portico borrominiano. Una donazione che riscopre l’antica e per troppo tempo interrotta tradizione del “dono Accademico” e che a partire dalla festa dedicata a San Luca, ogni anno, verrà rinnovata dall’acquisizione di un’opera realizzata dall’artista insignito del Premio Presidente della Repubblica.

 

Un concerto, organizzato dal Conservatorio di Santa Cecilia come esempio di collaborazione tra le due Accademie Nazionali. in due parti, la Prima ad uno o due liuti, eseguita nel Salone d’Onore al primo piano, la Seconda, con Strumenti ed elettronica, nel portico, concluderà le celebrazioni dedicate a san Luca.

 

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.