Mappa del Sito
News dall'accademia
05/dic/2011

Giornata di Studio su
Giorgio Vasari

Luogo: Società Dante Alighieri
Palazzo Firenze

Accademia Nazionale di San Luca
Palazzo Carpegna

 

Il 5 dicembre 2011, a conclusione dell’anno vasariano, celebrato per i cinquecento anni dalla nascita di Giorgio Vasari (1511-1574), la Società Dante Alighieri e l'Accademia Nazionale di San Luca promuovono una giornata di studi sul grande pittore, architetto e storico dell’arte aretino. Con l’intento di approfondire aspetti particolari della multiforme produzione artistica e letteraria di Vasari, il convegno si articola in due sezioni principali: la prima, la mattina a Palazzo Firenze, sede Centrale della Società Dante Alighieri, principalmente incentrata sulla figura di Vasari studioso e scrittore; la seconda, il pomeriggio a Palazzo Carpegna sede dell'Accademia Nazionale di San Luca, dedicata alla sua attività artistica e architettonica. La mattina interverranno, introdotti da Alessandro Masi, Amedeo Quondam, Claudio Strinati, Antonio Vannugli; il pomeriggio, introdotti da Francesco Moschini, Claudia Conforti,  Nicoletta Baldini, Francesca Funis.

Formatosi nella città dei Medici sulle tendenze manieriste, Giorgio Vasari viene a Roma per approfondire la conoscenza dell’arte classica; frequenta la cerchia letteraria ed erudita del cardinal Alessandro Farnese, ottenendo importanti commissioni negli ambienti papali. A Firenze è chiamato e apprezzato per le sue doti di scenografo e artista di corte. E’ interprete del rinnovamento di Firenze auspicato da Cosimo I, con la sistemazione degli Uffizi e la ristrutturazione di palazzo Vecchio e fonda insieme ad altri l’Accademia del Disegno, raccogliendo la tradizione della trecentesca Compagnia dei Pittori.  Nel 1550 pubblica la prima edizione della sua celebre opera Vite de’ più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani. Riedita nel 1568, l’opera rimane a lungo insuperata per la vastità di documentazione, la capacità di lettura e la ricchezza del linguaggio.

 

coordinamento di Ilaria Giannetti e Luca Porqueddu

GIORGIO VASARI TRA PAROLA E IMMAGINE
ore 10,30

Società Dante Alighieri
Roma, piazza Firenze, 27
tel. 06.6873694 06.6873695

introduce e coordina
Alessandro Masi
intervengono
Amedeo Quondam, Vasari e la Virtù
Claudio Strinati, Le nozze di Ester e Assuero come esemplificazione del sapere vasariano
Antonio Vannugli, Jacopo Zucchi, ritrattista e non

seguirà visita guidata nelle stanze affrescate di Jacopo Zucchi in Palazzo Firenze


GIORGIO VASARI PITTORE E ARCHITETTO
ore 15,00

Accademia Nazionale di San Luca
Roma, piazza dell’Accademia di San Luca, 77
tel. 06.6798850 06.6798848

Introduce e coordina
Francesco Moschini
Intervengono
Claudia Conforti, La sala dei 100 giorni: architettura e immagine
Nicoletta Baldini, Nuovi documenti per la ricostruzione della collezione di dipinti e sculture di Giorgio Vasari
Francesca Funis, Il corridoio Vasariano: costruzione e usi

con l'occasione saranno visitabili le Gallerie Accademiche

Altri riferimenti

Vedi i video nel Nuovo Archivio Multimediale

Documenti online
L'Accademia Nazionale
di San Luca

"L'Accademia Nazionale di San Luca ha lo scopo di promuovere le arti e l’architettura, di onorare il merito di artisti e studiosi, eleggendoli nel Corpo accademico, di adoperarsi per la valorizzazione e la promozione delle arti e dell’architettura italiane." [Statuto 2005, art.1]
Il primo degli Statuti, voluto da Federico Zuccari, risale al 1593 e nel corso del Seicento, l'Accademia ha assunto come simbolo l'immagine di San Luca evangelista, pittore e protettore degli artisti.
Dal 1705 l'Accademia adotta come proprio emblema un triangolo equilatero, costituito da pennello, stecca e compasso, per esprimere la pari dignità ed unità delle tre arti: pittura, scultura ed architettura, sotto l'egida del disegno, come ribadito dal motto oraziano "aequa potestas" che lo accompagna. Nei secoli l'emblema accademico, pur sostanzialmente invariato, assume forme diverse fino alla trasformazione, nel 1934, con l'adozione di un medaglione con l'immagine di San Luca che dipinge, ancora oggi simbolo dell'istituzione accademica al pari del triangolo equilatero.
Il corpo accademico è articolato secondo le tre classi di pittura, scultura ed architettura ed è costituito complessivamente da novanta Accademici Nazionali, trenta Accademici Stranieri, trentasei Accademici Cultori, ventiquattro Accademici Benemeriti.

L'Accademia di San Luca, assunto il titolo di Insigne e Pontificia nel XIX secolo, diventa dal 1872 Accademia Reale e, dal 1948, Nazionale.
Seguendo la tradizione dell'Accademia, in base a quanto ribadito anche dagli ultimi statuti, l'Istituzione promuove diverse attività culturali finalizzate alla valorizzazione delle belle arti. Nell'ambito di tali iniziative vengono curati la pubblicazione di volumi relativi all'Accademia e alla sua storia e l'allestimento di mostre negli spazi espositivi. Le opere delle collezioni accademiche (dipinti, sculture, disegni ed altro) sono restaurate e concesse in prestito in occasione di mostre nazionali ed internazionali.
Le sale accademiche sono utilizzate anche per la presentazione di libri e per lo svolgimento di conferenze e convegni. Particolare attenzione viene rivolta dall'Accademia ai giovani artisti e ai giovani studiosi mediante il conferimento di premi e borse di studio.

L'Accademia pubblica un Annuario e, ogni sei mesi, un Notiziario nel quale vengono sinteticamente illustrate le attività più recenti o di prossima realizzazione.

 

Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.