Mappa del Sito
Luigi Garzi
Sogno di Giacobbe
2016
Restauro a cura di
FABIO PORZIO
 

Il dipinto Sogno di Giacobbe di Luigi Garzi (olio su tela ) è stato restaurato in occasione della mostra Oltre. In viaggio con cercatori, fuggitivi, pellegriniCasa delle Esposizioni - Illegio (read more

 

                                                                      opera prima del restauro

Stato di conservazione

L’opera si presentava in un cattivo stato di conservazione:
La superficie pittorica appariva ricoperta da uno spesso strato di sporco composto da particellato grasso, vernici e scolature di gomma lacca. Al di sotto di tale strato ve ne era un altro, molto disomogeneo, composto da spesse vernici ingiallite ( probabilmente vernice Dammar).
La pellicola pittorica appariva in alcune zone abrasa e  con spessori di colore molto differenti:  nella zona della scala e degli  Angeli  le pennellate erano molto sottili e magre di colore, mentre l’Angelo in primo piano e Giacobbe rivelavano una pennellata spessa e corposa. In particolare la superficie dei panneggi di Giacobbe si presentava molto ruvida e piena di  minuscole “sopraelevazioni”. Questo fenomeno era dovuto al fatto che il quadro è pieno di “pentimenti “ ovunque e   che laddove il colore è più spesso, come sul panneggio rosso, il colore stesso tende a “slittare” su quello sottostante e, nel muoversi, forma  queste piccole “montagnette”.
In altre parti dove il colore è sottile, si vede chiaramente il disegno sottostante e le sue pennellate.
 
La tela di supporto risultava molto depauperata e fragile, nonché piena di piccoli buchi e di lacerazioni che in alcuni casi avevano fatto  perdere la pellicola  pittorica originale. Lungo la maggior parte del suo perimetro, la tela originale risultava lacerata a causa dell’attrito dello spigolo dei montanti del telaio  originale.
 
Interventi di restauro
 

 il dipinto durante la pulitura 

 

 
   
Particolari durante la pulitura 
 
 
 
Nell’intervento di restauro  si è pulita la superficie pittorica con miscele di solventi: acqua ed acetone e triammonio citrato. 
- Si è rifinita la pulitura con bisturi a lama mobile e acido acetico.
La tela originale è stata foderata con una nuova tela di lino/misto cotone di tipo “mediovale” con adesivo termoplastico sintetico (BEVAfilm), mentre la  pellicola pittorica è stata consolidata con impregnazione data a pennello sul retro di Plexisol 200 al 10%.
- La tela originale e quella di rifodero sono state montate su di un nuovo telaio di legno a struttura espandibile.
- La superficie dipinta è stata protetta con vernice retoucher data a pennello per separare la pellicola pittorica originale dagl’interventi successivi e ridare il corretto indice di rifrazione.
- Si sono stuccate le lacune con stucco composto da gesso di Bologna e colla di coniglio e si è passati alla fase delle reintegrazione pittorica con colori ad acquarello ed a vernice per il restauro.
 
Si è ultimato il restauro proteggendo la superficie dipinta con vernice retoucher e blanc mat miscelate a caldo ed applicate per nebulizzazione.
 

 Dipinto restaurato

 

Conservazione
e Restauro
Segnala questa pagina
© Accademia Nazionale di San Luca. Tutti i diritti riservati
Accademia Nazionale di San Luca
Piazza dell’Accademia di San Luca 77, 00187 Roma
Tel. 06 679 8850
Crediti del sito:
Responsabile e coordinatore Francesco Moschini
Concept e web design a cura di Valentina Ricciuti
Back end e formattazione a cura di Xaos Systems
Tutte le informazioni, pubblicazioni e immagini presenti in questo sito web sono di proprietà dell’Accademia Nazionale di San Luca, pertanto non possono essere né copiate né divulgate senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell’Accademia stessa. Qualsiasi uso non autorizzato dei testi e delle immagini sarà perseguito a norma di legge.